Palermo in zona rossa, tutte le restrizioni previste dall’ordinanza

0
12
palermo in zona rossa

Palermo in zona rossa da oggi sino al 14 aprile. L’ordinanza firmata dal presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci è entrata in vigore la scorsa mezzanotte e varrà per tutto il territorio comunale del capoluogo siciliano.

I palermitani dovranno dunque limitare sensibilmente gli spostamenti e quei comportamenti che avevano determinato nei giorni scorsi un innalzamento della curva dei contagi sforando le 250 unità per 100mila abitanti.

A differenza dei giorni di Pasqua, questa zona rossa non consentirà deroghe come le visite a parenti e amici, apparendo più simile al lockdown di un anno fa. Da oggi e per i prossimi 8 giorni a Palermo è vietato uscire da casa se non per “comprovati motivi di lavoro, salute o necessità”, e muniti di autocertificazione.

Vige poi il divieto di spostamento anche al di fuori del comune di residenza, a meno che non vi sia un giustificato e certificato motivo. Le passeggiate sono consentite nei pressi delle proprie abitazioni, ed è sempre consentito il transito, in ingresso ed in uscita, dal territorio comunale per il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

E’ vietato invece l’ingresso e l’uscita, nonché il transito, per raggiungere le seconde case. È permesso il transito, in ingresso ed in uscita, dal territorio comunale per gli operatori sanitari e socio-sanitari, per il personale impegnato nella assistenza alle attività inerenti l’emergenza, per l’ingresso e l’uscita di prodotti alimentari, sanitari e di beni o servizi essenziali, raggiungere ulteriori territori non soggetti a restrizioni negli spostamenti.

Rimane consentito il transito, in entrata ed in uscita, per garantire le attività necessarie per la cura e l’allevamento degli animali e le attività imprenditoriali non differibili connesse al ciclo biologico di piante. Per quanto riguarda le scuole si applicheranno le disposizioni nazionali. L’attività scolastica e didattica sarà quindi in presenza solo fino alla prima media compresa.

Per tutte le altre attività scolastiche è prevista la Dad. Resteranno chiusi i negozi di calzature e abbigliamento (tranne quelli per bambini) e i centri commerciali, aperti i negozi di generi alimentari, le edicole e altri beni di prima necessità, dalle farmacie alle tabaccherie ai prodotti di elettronica e le librerie. Asporto e domicilio in bar e ristoranti, il primo solo fino alle 18. Lo stop riguarda anche i mercati, a parte quelli di prodotti alimentari, i parrucchieri e i barbieri.

L’attività sportiva è consentita in zona rossa ma bisogna restare nel proprio comune, a meno che non sia necessario spostarsi in un altro comune per indisponibilità di strutture idonee nel proprio comune. Per attività come running o ciclismo si possono varcare i confini comunali nel caso in cui lo spostamento sia funzionale all’attività sportiva, e il punto di partenza e di arrivo siano nello stesso comune.