Palermo: Italia Viva a 8 consiglieri e Scoma richiama Orlando per l’assessore

0
20
francesco scoma

“L’adesione del presidente del Consiglio comunale di Palermo, Totò Orlando, ad Italia Viva rappresenta un ingresso fondamentale anche in vista delle elezioni del 2022 quando si rinnoveranno Sindaco e Sala delle Lapidi. Per questo Italia Viva, forte di 8 consiglieri, adesso chiede una maggiore attenzione al primo cittadino Leoluca Orlando”. Lo dice all’Italpress Francesco Scoma, deputato della Camera per il partito di Renzi.

“Con il consigliere Orlando – spiega – già da qualche mese era iniziata una interlocuzione importante. Riteniamo che sia un ingresso fondamentale per il prosieguo della nostra attività politica e anche in vista della prossima campagna elettorale dal momento che fra poco piu’ di un anno si andra’ al rinnovo del consiglio comunale”.

“Con l’ingresso di Orlando il nostro peso in consiglio sale da 7 a otto consiglieri sul totale di 40”, aggiunge Scoma, “e con questa compagine chiediamo al sindaco di considerarci per apportare una miglioria alla sua squadra di governo per questo ultimo scorcio di legislatura”.

Italia Viva esprimeva un assessore – Roberto D’Agostino – che però, nove mesi fa, è stato “invitato” a presentare le dimissioni dopo lo scandalo delle bare in attesa di sistemazione nei cimiteri di Palermo.

“Da circa 9 mesi siamo rimasti senza un assessore perche’ il nostro esponente è stato costretto alle dimissioni – spiega Scoma -, riscontriamo che il sindaco ha preso la delega allora e da quel momento sono aumentate le bare in giacenza presso il cimitero che erano state oggetto dell’azione nei confronti del nostro assessore. Capisco che la gestione è difficile e le risorse mancano – aggiunge Scoma – ma non ci può essere una azione punitiva nei confronti di un esponente di un partito che detiene una maggioranza importante in Consiglio comunale”. (ITALPRESS).