Palermo: la nuova giunta Orlando con gli innesti di Petralia, Di Dio e Marino

0
21

Il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, ha presentato i tre nuovi assessori che portano la giunta da 8 a 11 componenti. Due volti nuovi, il giovane Paolo Petralia Camassa e Vincenzo Di Dio, presidente dell’Ordine degli ingegneri, e un ritorno, quello di Sergio Marino.

I tre nuovi assessori hanno giurato insieme con i colleghi in sala Giunta, a Palazzo delle Aquile, e ora, stanno incontrando la stampa. Queste le deleghe assegnate da Orlando ai tre nuovi assessori: Vincenzo Di Dio, edilizia privata, sportello unico edilizia, città storica-condono; a Paolo Petralia, politiche giovanili, sport, innovazione, rapporti funzionali con Sispi, relazioni internazionali all’interno dei progetti strategici di competenza del sindaco; a Sergio Marino, ville e giardini-verde-aree protette, parchi, riserve terrestri e marine e di interesse naturalistico, rapporti funzionali con Reset, Rap e Srr. Queste, invece, le deleghe degli altri otto assessori: a Fabio Giambrone, che resta vicesindaco, organizzazione, personale, polizia municipale, coime, cantiere, decoro urbano e servizi demografici; a Giusto Catania, urbanistica, ambiente, mobilità e rapporti funzionali con Amat; a Roberto D’Agostino, bilancio consolidato, fondi comunitari, tributi, patrimonio, beni confiscati e cimiteri; ad Adham Darawsha, culture, spazi museali ed espositivi, toponomastica, partecipazione democratica e consulte; a Giovanna Marano, scuola, lavoro, parità di genere, decentramento, partecipazione istituzionale e circoscrizioni; a Giuseppe Mattina, cittadinanza solidale, dignità dell’abitare, edilizia residenziale pubblica e rapporti con Iacp; a Leopoldo Piampiano, attività economiche, mercati, Suap, diritti degli animali, sanità e igiene; a Maria Prestigiacomo, rigenerazione urbana, mare e coste, lavori pubblici, protezione civile, sicurezza luoghi di lavoro, manutenzione immobili comunali, scuole e impianti sportivi, rapporti funzionali con Amap e Amg Energia.

Il sindaco Orlando nella sua giunta mantiene le deleghe su turismo, comunicazione, avvocatura, rapporti internazionali e rapporti con l’Anci, di cui è presidente regionale.