Palermo, scoperto dai carabinieri un appartamento adibito a serra per coltivazione di hashish: un arresto

0
25

In casa aveva realizzato una vera e propria serra per la coltivazione della droga, così per L.D., 33 anni, sono scattate le manette con l’accusa di coltivazione e detenzione illecita di sostanze stupefacenti e furto aggravato. Nel suo appartamento in via Belgio i carabinieri hanno trovato una grossa tenda termica con lampade e reattori, impianti di condizionamento e aspirazione, al cui interno c’erano un chilo e 200 grammi di foglie già essiccate e suddivise in barattoli, un bilancino di precisione e 820 euro in contanti, ritenuti dagli investigatori provento dell’attività di spaccio. I tecnici dell’Enel hanno poi accertato l’esistenza di un allaccio abusivo alla rete elettrica pubblica che alimentava la serra.

Così per l’uomo è scattato anche l’arresto per furto. Nell’ambito degli stessi servizi antidroga disposti dal Comando provinciale di Palermo è stato arrestato anche un 34enne, S.B., volto noto alle forze dell’ordine. A insospettire i militari è stato il continuo andirivieni di giovani dall’appartamento dell’uomo nel quartiere Kalsa. E’ così scattato il blitz con l’ausilio di Mike, un pastore tedesco di 3 anni in forza al nucleo Cinofili carabinieri di Villagrazia. Nella casa in piazza Carlo Maria Ventimiglia i carabinieri hanno trovato e sequestrato quasi sei panetti di hashish per un peso complessivo di 538 grammi. Nel medesimo contesto è stato denunciato in stato di libertà un 27enne, trovato in possesso di 19.880 euro in contanti e di documentazione attestante l’attività di spaccio.