Palermo: ordinanza del sindaco per lo sgombero dei rom della Favorita, ora si cercano le case

0
153

Il sindaco di Palermo Orlando ha firmato un’ordinanza in cui si impone lo sgombero del campo rom della Favorita. Nel provvedimento si legge che la decisione è stata presa dopo che la magistratura ha disposto il sequestro dell’area: “per ragioni di sicurezza, igiene pubblica, per superare la situazione di degrado del territorio e per eliminare i pericoli per l’incolumità delle persone e delle famiglie che risiedono nel campo di viale del Fante, nonché per garantire la dignità delle persone e la tutela dei diritti sociali e civili delle medesime”.

L’ordinanza cita la necessità di reperire con immediatezza degli immobili da destinare temporaneamente ai nuclei familiari e l’urgenza di demolire le baracche, rimuovere il materiale di risulta e smaltire tutti i rifiuti secondo le norme vigenti.

Sollecitata anche l’eliminazione dei cavi elettrici volanti abusivi e la messa in sicurezza degli impianti elettrici. Nell’ordinanza si parla anche di accelerare i “percorsi di accompagnamento alla casa e di integrazione delle comunità Rom, Sinti e Camminanti, in base ad un progetto del Piano Operativo Nazionale Città Metropolitane”.

I termini per ultimare le procedure di sgombero, sono state fissate entro il 31 dicembre di quest’anno. Mandati, per le rispettive competenze sono stati conferiti a: Coime, Rap, Reset, Amg e Amap.

Polemico il consigliere comunale Igor Gelarda che ha intenzione di presentare un’interrogazione per chiedere se, anche per i palermitani che vivono il problema dell’emergenza abitativa, sia mai stata fatta un’ordinanza così precisa e perentoria. Gelarda ha anche preannunciato una manifestazione di protesta in piazza Pretoria.