Palermo: per la riqualificazione del centro storico in arrivo 90 milioni

0
19

Sarà sottoscritto il prossimo 2 febbraio il Contratto istituzionale di sviluppo per il centro storico di Palermo (Cis), nell’ambito del Piano operativo cultura e turismo (Fondo sviluppo e coesione 2014/2020). Il sottosegretario al Mibact Anna Laura Orrico ha convocato il tavolo istituzionale di coordinamento per l’attuazione degli interventi di riqualificazione e rigenerazione del centro storico di Palermo.

L’importo degli interventi (in totale 17) ammessi a finanziamento ammonta a 90 milioni di euro: 11 proposti dal Comune di Palermo, 5 dalla Regione siciliana e uno dalla Soprintendenza archivistica della Sicilia – Archivio di Stato di Palermo. Il tavolo istituzionale è composto, oltre che da un rappresentante del Comune di Palermo, da rappresentanti del ministero del Sud e della coesione territoriale, del Mibact, Mef, della Prefettura, della Regione iciliana, della città metropolitana di Palermo, dell’Università degli Studi del capoluogo e di Invitalia, individuata quale soggetto attuatore del Cis. “Un programma importante – dice il sindaco, Leoluca Orlando – che si unisce ai tanti, dai fondi Gescal al Ruis e al Patto per Palermo, che porteranno in città centinaia di milioni nei prossimi anni per importanti interventi di rigenerazione”.

Si tratta di un pacchetto di programmi e interventi rivolto a tutti i quartieri da Brancaccio allo Zen, da Borgonuovo a Sferracavallo, passando ovviamente per il centro storico. “Tutti strumenti fondamentali per cambiare il volto della città, restituirne spazi vitali alla fruizione dei cittadini e al suo sviluppo economico – dice ancora il primo cittadino -. Interventi che dovranno partire subito ma che vedranno la luce e il proprio completamento solo fra qualche anno: motivo per il quale sono ancora più grato e apprezzo il lavoro svolto dagli uffici e dai tecnici guidati dall’assessore Prestigiacomo con grande capacità non solo tecnica ma di visione per il futuro della nostra città”, conclude Orlando.