Palermo, Scarpinato (Fdi): “Con conti Amat il Comune rischia il baratro”

0
121

“La gravissima situazione finanziaria dell’Amat, così come la delicata situazione in cui versano le altre società partecipate, rischia di trascinare nel baratro tutto il Comune di Palermo”. Lo dice Francesco Scarpinato, capo gruppo di Fratelli d’Italia a palazzo delle Aquile, che da mesi denuncia la gravità della situazione contabile che riguarda le aziende controllate dal comune.

“L’Amat ha perso in dieci anni qualcosa come 90 milioni di euro, dati che ho già denunciato in consiglio comunale – aggiunge Scarpinato -. Durante l’approvazione dell’ultimo bilancio non abbiamo avuto l’opportunità di ascoltare sia le società partecipate che l’amministrazione comunale proprio per la tempistica ristretta e questi sono oggi i risultati. Abbiamo una diffida dell’azienda che chiede al Comune 120 milioni di euro e di contro una nota del ragioniere generale che sostiene che quei crediti non sarebbero a carico del comune  tanto che ha chiesto una relazione ai vertici dell’azienda, mentre il collegio dei revisori sostiene la tesi del ragioniere generale secondo cui quei soldi andavano rivendicati nei bilanci e nel piano di risanamento – sottolinea Scarpinato -.  L’armonizzazione dei bilanci e il bilancio consolidato, che prevedono che i conti delle partecipate stiano dentro il bilancio comunale, rischiano di portare al tracollo tutto il comune”.

“L’amministrazione proceda subito ai correttivi necessari per mettere ordine ad una situazione che ormai è diventata di totale emergenza. Ho pronta una interrogazione a risposta scritta al sindaco Orlando – conclude Scarpinato – e appena possibile chiederemo un confronto con l’amministrazione, il ragioniere generale e gli uffici”.