Palermo, Sinistra Comune si candida alla guida della città nel dopo Orlando

0
270

“L’operazione politica che vogliamo portare avanti è quella di candidarci nel 2022 alla guida della città, mancano tre anni e mezzo e avremo tempo per crescere numericamente e continuare ad essere, come abbiamo fatto, punto di riferimento per i cittadini che assieme a noi non vogliono rassegnarsi all’idea che dopo Orlando la città si possa consegnare alla destra o ai qualunquisti”. Lo ha detto Giusto Catania, nominato assessore all’Urbanistica e Ambiente nei giorni scorsi dal sindaco di Palermo Leoluca Orlando, che in mattinata a Palazzo delle Aquile ha partecipato all’incontro di Sinistra Comune per presentare il nuovo assetto del gruppo in consiglio comunale.

E Catania ha lasciato intendere che il gruppo a Sala delle Lapidi potrebbe arricchirsi di ulteriori ingressi: non a caso seduta in prima fila in sala Rostagno anche Valentina Chinnici, eletta con 1.167 voti nella lista orlandiana Movimento 139. Da oggi Fausto Melluso, 31 anni, responsabile delle politiche migratorie dell’Arci, subentra in consiglio comunale, a Giusto Catania.

“La presenza di Fausto Melluso ci arricchisce in qualità, esperienza ed energia ma offre nuova linfa anche all’intero consiglio comunale – ha detto Barbara Evola, nuova capo gruppo – mentre la presenza in giunta di Giusto Catania è una sfida importante perché le sue deleghe attraversano tutti i campi sensibili che riguardano la città ed il suo futuro e che ci stanno a cuore, come le politiche per l’ambiente”. A Palazzo delle Aquile erano presenti, tra gli altri, anche i consiglieri comunali di Sinistra Comune Katia Orlando, Marcello Susinno, Fausto Melluso e il portavoce Luigi Carollo.

“La mia politica è intesa come partecipazione, quindi continuerò a stare vicino alle persone coi loro problemi – ha spiegato Melluso -. Proseguirò il mio impegno nei quartieri come Ballarò, accoglienza e cultura non sono elementi simbolici ma generatori di comunità”.