Palermo: stranieri al voto per rinnovare la Consulta delle Culture

0
28
allarme rosso sui conti del comune di palermo

Le elezioni per il rinnovo della Consulta delle Culture, sono in programma domenica prossima, 24 giugno, dalle 8 alle 20. Per aggiornare quest’organo rappresentativo, possono recarsi ai seggi gli stranieri, comunitari, extracomunitari, apolidi e coloro i quali abbiano acquisito la cittadinanza italiana, risiedano a Palermo ed abbiano compiuto il 18° anno di età. Si tratta di uno strumento di partecipazione politica alla vita della città e svolge funzioni consultive e propositive per l’attività dell’amministrazione comunale.

La Consulta è composta da 21 membri ed elegge al proprio interno un presidente che la rappresenta e partecipa ai lavori del consiglio comunale. Sono 26 i candidati alle elezioni per i 21 posti, che però, in ragione delle candidature che sono state presentate, diventeranno 20 poiché il Distretto Europa non vedrà coperta del tutto la propria rappresentanza. Dieci i seggi, dislocati nelle otto circoscrizioni cittadine. E, nello specifico, presso le scuole: “Valverde”, “Amari”, “Perez”, “Montegrappa”, “De Amicis”, “Collodi”, “San Domenico Savio” e “Rapisardi”.

Per l’occasione, l’ufficio elettorato di piazza Giulio Cesare rimarrà aperto sabato 23 giugno dalle 8 alle 13 e domenica 24 dalle 8 alle 20, per consentire agli aventi diritto di ritirare le comunicazioni di voto.

“Vivo con orgoglio – ha dichiarato Orlando – l’essere Sindaco di una città che ha espresso questa esperienza che è un punto di riferimento mondiale. Desidero sottolineare l’importanza della Consulta delle Culture che non è una mera rappresentanza settoriale, per cui chi è eletto rappresenta non soltanto il suo Paese d’origine, ma rappresenta anche l’intera città di Palermo. Voglio rivolgere un ringraziamento ed un apprezzamento alla Consulta delle Culture uscente ed ai presidenti Adham Darawsha e Delfina Nunes – ha aggiunto – ed esprimere i migliori auguri alla nuova Consulta delle Culture che affida agli eletti di domenica prossima il compito di completare ed innovare quanto si è già fatto in questa città”.