Palermo, Totò Orlando: “I lavori al ponte Corleone si possono fare di notte e nei festivi”

0
81

Da giorni i lavori che riguardano il consolidamento del Ponte Corleone, su viale Regione Siciliana, con il restringimento delle carreggiate, paralizzano non soltanto il traffico cittadino, ma anche una delle poche arterie in entrata ed uscita dalla città. Una strada diventata un inferno di lamiere con code chilometriche nella disperazione degli automobilisti che viaggiano incolonnati nella più completa rassegnazione.

Si parla di oltre un’ora e mezza per percorrere appena quattro chilometri. Disagi che si estendono per ovvie ragioni conseguenti anche a corso Calatafimi, alla via Oreto e alla via Messina Marine.

Si sa che i lavori dovrebbero durare fino al 14 luglio, vigilia del Festino di Santa Rosalia. I lavori sono iniziati sulla corsia di destra in direzione Catania, poi toccherà a una corsia della carreggiata opposta. Ma la novità arriva dal presidente del Consiglio comunale di palermo Totò Orlando che afferma senza mezzi termini: “E’ possibile effettuare i lavori di notte e nei giorni festivi sul Ponte Corleone. Pertanto alla luce dei pensanti disagi provocati dai cantieri ai cittadini mi aspetto che i responsabili prendano immediatamente i provvedimenti opportuni e chiedano scusa alla città e agli automobilisti”.

“Secondo quanto appurato da un approfondimento normativo – spiega Totò Orlando – l’esecuzione di opere di ripristino dei giunti di dilatazione su ponti, viadotti e impalcati ha soltanto alcune limitazioni che riguardano le temperature maggiori di 40 gradi o inferiori a -5, fenomeni piovosi o nevosi prolungati”.

“Pertanto – continua la nota di Totò Orlando – nel caso di specie del ponte Corleone, il direttore dei lavori, ai sensi dell’art.49 del DPR 207/2010, può emettere un ordine di servizio chiedendo all’impresa di svolgere le lavorazioni in orari notturni o festivi. L’impresa, ove non previsto nel contratto di appalto, potrà richiedere il ristoro degli oneri dovuto ad eventuali straordinari da concedere a personale”.