Palermo: trent’anni di minacce e violenze contro la moglie, arresto a Borgo Nuovo

0
14

Minacce e violenze andavano avanti da tempo. Adesso, però, per un palermitano di 61 anni si sono spalancate le porte del carcere. La Polizia, infatti, ha dato esecuzione a un’ordinanza emessa dal gip di Palermo, che ha posto fine all’incubo vissuto per 30 anni da una donna e dai suoi quattro figli, vittime di un uomo violento.

Le indagini sono scattate dopo un intervento degli agenti nell’abitazione della coppia a Borgo Nuovo. A chiedere aiuto era stata la donna, minacciata con un coltello dal marito ubriaco. Ai poliziotti la vittima ha raccontato come quello fosse solo l’ultimo di una lunga serie di violenze, soprusi e angherie andati avanti per 30 anni e che avevano scandito anche la crescita dei quattro figli, oggi ampiamente maggiorenni.

La donna, pur non denunciando la maggior parte delle violenze per paura di ulteriori ritorsioni, in due casi era stata costretta ad andare via di casa per trovare rifugio dai parenti.

Una storia di maltrattamenti tra le mura domestiche confermata anche dai figli della coppia che agli investigatori della Polizia hanno raccontato gli anni vissuti insieme al padre-padrone. Per l’uomo è così scattato l’arresto e il gip ha disposto la custodia cautelare in carcere, eseguita dai poliziotti del commissariato Zisa Borgo Nuovo.