Pallanuoto A-2: il Telimar sabato affronta all’olimpica la corazzata Roma Nuoto

0
44

L’avversario più difficile nel momento più critico. Un Telimar “ammaccato”, reduce da tre sconfitte consecutive, si appresta a ricevere sabato all’Olimpica (ore 16, arbitri Bianco e Pagani Lambri) la corazzata Roma Nuoto, imbattuta capolista del torneo di A-2 di pallanuoto.

Una “mission” sulla carta impossibile per i ragazzi di Vittorio Schimmenti, anche perché il tecnico palermitano dovrà fare a meno non solo di Lo Cascio, già squalificato, ma anche di Gabriele Galioto, uno dei più positivi finora in questa stagione, best scorer con 15 reti, anch’egli appiedato per una giornata dal giudice sportivo per ingiurie agli arbitri nel corso del derby di sabato scorso a Catania contro i Muri Antichi.

Un match che dunque già si presentava difficile, diventa ora come un Monte Bianco da scalare con i sandali per una squadra che nel corso dell’ultimo mese vuoi per l’assenza di Lo Cascio, vuoi per la giovane età di molti dei suoi protagonisti è mancata probabilmente proprio sul piano della tenuta agonistica-nervosa.

La Roma Nuoto è la grande favorita del torneo, dopo la delusione della scorsa stagione quando dopo aver dominato da imbattuta la regular season, fu beffata ai rigori dal Torino nella sfida decisiva per la promozione in A-1. In pratica fra la scorsa e l’attuale stagione i romani, guidati dall’ex capitano azzurro Mario Fiorillo, su 31 partite della regular season (22 l’anno scorso, 9 quest’anno) ne hanno vinte 28, pareggiandone 3, una delle quali quest’anno in casa con il Bari, perdendo solo gara 2 della semifinale play off con il Lavagna e poi gara due e tre (quest’ultima ai rigori) della finale con il Torino.

Stavolta, per non fallire l’obiettivo, la società ha ingaggiato il croato Andelo Setka, 31 anni, medaglia d’argento con la sua nazionale alle ultime Olimpiadi di Rio, ed è arrivato da Firenze anche il giovane Federico Panerai. Non a caso Setka e Panerai sono stati i grandi protagonisti di questa prima parte di stagione con ben 26 reti a testa, secondi nella classifica marcatori dietro il salernitano dell’Arechi, Luongo con 32 e davanti a Giorgio Torrisi della Nuoto Catania con 24. Fra gli elementi di punta anche Luca Fiorillo, figlio del tecnico.

In casa Telimar c’è un ex, il portiere Alessandro Serrentino, romano, due stagioni fa in forza proprio alla Roma Nuoto. Sarà lui a cercare di arginare la furia offensiva dei romani, ma ci vorrà una super prestazione da parte di tutti per giocarsela al meglio e tentare l’impresa. (massimo bellomo ugdulena)