Pallanuoto: Telimar maturo mostra i muscoli e travolge 15-7 Civitavecchia

0
44

Prova di forza e di maturità per il Telimar che, pur privo del suo centroboa Ciccio Lo Cascio, travolge 15 a 7 il Civitavecchia e compie un bel passo avanti in classifica.

Chi ha assistito al match si interrogava al termine se un successo così netto e perentorio fosse dovuto più ai demeriti degli ospiti che ai meriti dei ragazzi allenati da Vittorio Schimmenti. Non c’è dubbio che il Civitavecchia si è rivelato meno consistente del previsto, quasi disastroso in attacco, ma è altrettanto vero che il Telimar ha schiantato la formazione di Pagliarini sul piano della dinamicità e del nuoto, offrendo una prestazione più che convincente, trascinata dal suo capitano Fabrizio Di Patti, probabilmente il migliore dei suoi.

Di fronte ad una squadra nettamente più veloce, molto motivata, finalmente con buone percentuali con l’uomo più (5 su 9 ), il Civitavecchia con la sua manovra lenta e prevedibile è rimasto in partita per i primi due tempi poi non c’è stata più storia ed anzi il passivo avrebbe potuto anche essere più largo.

Ad aprire le marcature è stato Fabrizio Di Patti, ma dopo il pareggio degli ospiti è stato il rientrante Pesenti quasi in chiusura di tempo a riportare avanti il Telimar. Il Civitavecchia è partito meglio nella seconda frazione e nel giro di meno di un minuto ha ribaltato la situazione. Qui però gli ospiti si sono inceppati e il Telimar ha infilato un parziale di 4-0 con la doppietta di Fabiano e i gol di Giliberti e Pesenti, finalmente integrato nel gioco della squadra. Gli ultimi segnali di vita del Civitavecchia sono arrivati ad inizio tempo, ma dal 7-5 in poi è iniziato lo show Telimar che, a cavallo fra il terzo e quarto tempo, ha piazzato il colpo del definitivo ko con un parziale di 5-0 che ha chiuso il match.

Gli ultimi minuti soltanto da passerella, condita da uno spettacolare gol in beduina da posizione impossibile del capitano Fabrizio Di Patti, prima del gol finale di un ottimo Andrea Giliberti, autore di una tripletta, così come Fabiano e Di Patti. Due gol a testa per Pesenti e Lo Dico, uno a testa per Claudio Geloso e Lisica.

Sabato prossimo test molto impegnativo contro l’Arechi a Salerno, in una vasca dove è davvero sempre difficile riuscire a fare risultato. Questo campionato si conferma però pieno di insidie anche inaspettate, come dimostra il sofferto successo della corazzata Roma Nuoto a Latina e anche quello della Nuoto Catania, vittoriosa a Roma contro l’Arvalia con un gol di Russo ad un secondo dalla fine dopo essere stata sotto 13-12 fino a due minuti dal termine.

I risultati: 7 Scogli Siracusa-Arechi 6-16, Latina-Roma Nuoto 7-8, Roma Arvalia-Nuoto Catania 13-14, Waterpolo Bari-Muri Antichi Catania 9-8, Campolongo Salerno-Frosinone 8-4.  Classifica Roma Nuoto 18, Nuoto Catania 15, Arechi 13, Telimar e Campolongo 12, Waterpolo e Latina 10, Civitavecchia 7, Frosinone 6, 7 Scogli e Arvalia 1, Muri Antichi 0. (massimo bellomo)