Pallavolo, in B2 femminile per la Futura Andros trasferta proibitiva a Santo Stefano contro la Noma Volley

0
47

 

Si torna in campo questo fine settimana, dopo la pausa pasquale, nel torneo di B-2 femminile di pallavolo che entra nella sua fase finale. Mancano, infatti, cinque giornate al termine ed in testa le prime due posizioni sembrano ormai assegnate con l’Effe Volley Santa Teresa Riva avviato verso la promozione diretta in B-1 e la Pallavolo Sicilia quasi certa del secondo posto che significa play off.

Lotta a tre per la terza piazza, utile anch’essa per accedere ai play off, fra Cuore Reggio Calabria, Giavì Pedara e Noma Volley Santo Stefano, con le calabresi due punti avanti le due siciliane. In coda Gallico con 11 punti, Futura Andros Palermo con 9 e Spezzano con 5, lottano per evitare la retrocessione, destinata alle ultime due. Solo una di queste tre dunque potrà rimanere in B-2.

Malgrado sei sconfitte consecutive, con zero punti all’attivo, la Futura ha ancora qualche chance di salvezza, legata sia alla sua capacità di fare punti, sia anche alle disgrazie altrui. Primo appuntamento di questo ciclo finale per l’Andros domenica alle 18, a Santo Stefano di Camastra (arbitri Monica e Leonardo) contro la Noma Volley, avversaria difficile, ancora in lizza per i play off promozione.

Un altro incontro sulla carta proibitivo contro un avversario che rappresenta fra l’altro una sorta di bestia nera per le palermitane, sconfitte sia nei due match della scorsa stagione, sia nella gara di andata al Paladonbosco quando il sestetto di Giancarlo Caccamo nel quarto set  riuscì a sprecare il vantaggio di 24-21, facendosi rimontare e perdendo così il parziale e il  match, e gettando alle ortiche la conquista di almeno un punto.

Protagonista della rimonta del Noma fu in quell’occasione soprattutto Carlotta Romani, che anche domenica si presenta come pericolo principale per la Futura.  A Santo Stefano, per la squadra di Caccamo sarà presente con tutte e otto le atlete in organico, con il rientro di Livia Magherini e la seconda presenza di Linda Montalti, palleggiatrice, classe ’81.