Papa “davanti a chi emigra non possiamo girarci dall’altra parte”

0
6

ROMA (ITALPRESS) – "Due giorni fa sono rientrato dal viaggio a Cipro e in Grecia… Cipro è una perla nel Mediterraneo, una perla di rara bellezza, che però porta impressa la ferita del filo spinato, il dolore per un muro che la divide. A Cipro mi sono sentito in famiglia; ho trovato in tutti dei fratelli e delle sorelle… Il mio augurio per Cipro è che sia sempre un laboratorio di fraternità, dove l'incontro prevalga sullo scontro, dove si accoglie il fratello, soprattutto quando è povero, scartato, emigrato. Ripeto che davanti alla storia, davanti ai volti di chi emigra, non possiamo tacere, non possiamo girarci dall'altra parte". A dirlo Papa Francesco dopo l'Angelus da piazza San Pietro. "A Cipro, come a Lesbo – sottolinea -, ho potuto guardare negli occhi questa sofferenza: per favore, guardiamo negli occhi gli scartati che incontriamo, lasciamoci provocare dai visi dei bambini, figli di migranti disperati. Lasciamoci scavare dentro dalla loro sofferenza per reagire alla nostra indifferenza; guardiamo i loro volti, per risvegliarci dal sonno dell'abitudine!". "Penso poi con gratitudine alla Grecia – aggiunge -. Anche lì ho ricevuto un'accoglienza fraterna. Ad Atene ho sentito di essere immerso nella grandezza della storia, in quella memoria dell'Europa: umanesimo, democrazia, sapienza, fede. Anche lì ho provato la mistica dell'insieme: nell'incontro con i fratelli Vescovi e la comunità cattolica, nella Messa festosa, celebrata nel giorno del Signore, e poi con i giovani, venuti da tante parti, alcuni da molto lontano per vivere e condividere la gioia del Vangelo". "E ancora – prosegue Papa Francesco -, ho vissuto il dono di abbracciare il caro Arcivescovo ortodosso Ieronymos: prima mi ha accolto a casa sua e il giorno seguente è venuto a trovarmi. Custodisco nel cuore questa fraternità. Affido alla Santa Madre di Dio i tanti semi di incontro e di speranza che il Signore ha sparso in questo pellegrinaggio. Vi chiedo di continuare a pregare perché germoglino nella pazienza e fioriscano nella fiducia". (ITALPRESS). vbo/com 08-Dic-21 13:26