Partinico: al vaglio le immagini delle telecamere per identificare gli aggressori dei 5 migranti

0
68

A Partinico si cercano i responsabili dell’aggressione ai danni di cinque migranti minorenni, 4 gambiani e un ivoriano, messa a segno nella notte di ferragosto.

Ieri i ragazzi stranieri non accompagnati, sbarcati da qualche tempo in Sicilia, intanto sono stati ascoltati dai carabinieri con l’ausilio della responsabile e dell’operatrice del Centro di accoglienza Mediterranea, ed è stata presentata una denuncia-querela contro ignoti.

I giovani erano in spiaggia a Trappeto, nella frazione di Ciammarita, per una serata di divertimento, quando forse reciproci sguardi e commenti di troppo hanno scatenato la furia del branco.

In cinque hanno spintonato e costretto ad allontanarsi i migranti che avrebbero tentato di calmare gli animi dicendo ai violenti: “siamo come voi, siamo giovani che vogliono divertirsi come voi”. Poi, quando i migranti sono saliti a bordo di un furgone per tornare al Centro, sono stati inseguiti, bloccati, minacciati di morte e presi a pugni. L’operatrice ha tentato di sedare la rissa, ma anche lei è stata spintonata.

Le sirene delle forze dell’ordine, chiamate da un passante che aveva notato il diverbio, hanno indotto gli aggressori a desistere e ad allontanarsi. Al vaglio degli investigatori vi sono le immagini delle telecamere di videosorveglianza della zona dove si sono svolti i fatti.