Patto per Trapani capitale della Cultura firmato da 24 sindaci della provincia

0
8
trapani capitale della cultura

Un manifesto di principi e di impegni per raggiungere, tutti insieme, l’obiettivo di Trapani capitale della cultura 2022 è stato siglato dai 24 sindaci della  della provincia. Il “Patto per la cultura trapanese”, promosso dal primo cittadino trapanese Giacomo Tranchida,  è stato firmato via web e impegna tutti i comuni a sostenere e attuare il Piano Strategico della cultura del territorio, strutturare una cabina di regia unica, mettere a sistema le Partecipate di settore, fare rete culturale con il sistema museale, archeologico, con i parchi e le riserve. Saranno coinvolti tutti gli enti, le fondazioni e gli stakeholder operanti nell’ambito culturale provinciale che condivideranno strategie e progetti di marketing turistico-culturale per la valorizzazione dell’identità del territorio, realizzando un calendario unico degli eventi e delle manifestazioni del territorio.

Sarà creato un coordinamento della comunicazione dei principali attrattori culturali della provincia di Trapani attraverso strumenti unitari che promuoveranno il circuito culturale trapanese. Un ruolo strategico avrà il Distretto turistico della Sicilia occidentale, che supporterà molte iniziative di comunicazione.

“Un bellissimo segnale che parte dall’ultima provincia d’Italia, per posizione geopolitica – ha affermato Tranchida -. A prescindere dalle loro sensibilità politiche, 24 sindaci condividono una visione d’insieme, una progettualità di sviluppo culturale. Questo patto è frutto di un lavoro intenso – ha aggiunto -. La classe dirigente sta dimostrando una grande maturità. In questo momento storico legato ad una pandemia, l’obiettivo di promuovere la programmazione strategica della cultura, come volano ed ulteriore attrattore per lo sviluppo dei territori, è già una vittoria. Una piattaforma di confronto e scambio tra i comuni aderenti che diffonde linee guida per mettere in atto processi di gestione integrata e innovativa della cultura”.