Paul Baccaglini ad Orlando: “Entro giugno il progetto del nuovo stadio”

0
37
Paul Baccaglini
Paul Baccaglini (foto Pasquale Ponente)

Paul Baccaglini ha incontrato questa mattina il sindaco Leoluca Orlando per parlare subito del nuovo stadio che la società rosanero vorrebbe realizzare. “Il nuovo progetto dello stadio sarà presentato entro la fine di questa stagione, entro giugno” – ha annunciato il neo presidente del Palermo  che ieri ha avuto il via libera della Lega sulla sua nomina, durante il primo incontro ufficiale con il sindaco.

Il Velodromo dello Zen “è l’area individuata anche se, al momento, ci sono anche altre idee strategiche che stiamo valutando con i professionisti che ci stanno aiutando in questa operazione – ha spiegato Paul Baccaglini – . Nel primo progetto dello stadio c’erano moltissimi elementi validi, ma anche altri che hanno inficiato l’approvazione finale. Ripartiremo da lì, ne abbiamo parlato in dettaglio stamattina con il sindaco Orlando. Soprattutto dovremo studiare delle modifiche per renderlo a norma e lavoreremo più nel dettaglio sulle infrastrutture interne. La prima cosa da fare è domandarsi il perché del fallimento del precedente progetto. Non possiamo però buttare via tutto, altrimenti diventa come una tela di Penelope”.

Tra i limiti del precedente progetto, Baccaglini ha indicato “tutta la parte interna dello stadio che non è stata sviluppata adeguatamente. Non è stata specifica l’area dedicata alla ristorazione, ai negozi, agli eventi e al museo. Si potrebbe persino creare un mini spazio per eventi aperto ai palermitani all’interno della struttura sportiva”.

Sulle cifre, però, il neo presidente ha scelto di non sbilanciarsi non rivelando nulla di preciso: “Chiunque ambisca a questo posto, sarà colpito positivamente dalla validità dimostrabile di questo progetto. Il grande rischio è buttare una cifra sul tavolo e creare aspettative. Se andiamo a realizzare lo stadio, daremo agli organi competenti le assicurazioni finanziarie del caso, ma questo non significa creare un pentolone in cui riversiamo centinaia di milioni, ma creare un progetto sostenibile con garanzie economiche stabili. Respingo questa immagine romanzata di un capitale messo lì e cristallizzato. Daremo dimostrazione alle autorità competenti che questi soldi ci sono e verranno utilizzati man mano che servono”. (Foto di Pasquale Ponente)