Per il Primo Maggio, la consegna delle Stelle al Merito del Lavoro

0
49

Come da tradizione, in occasione del Primo Maggio, si terrà questa mattina alle 10, nell’aula magna della Scuola delle Scienze giuridiche ed economiche in via Maqueda a Palermo, la cerimonia della consegna delle decorazioni delle “Stelle al Merito del Lavoro” anno 2015 conferite dal Capo dello Stato ai lavoratori benemeriti delle province della Sicilia.

 

Sono 35 i siciliani che riceveranno il riconoscimento. Interverrà il prefetto Francesca Cannizzo. Questo l’elenco delle nuove “Stelle al Merito”:  per la provincia di Palermo: Emanuele Insinna e Rosalia Rita Maria Amoroso (Telecom Italia); Carmela Bellia, Dora Tortorici e Maria Grazia Lala (Poste italiane); Elisa Cascio, Francesco Seminara Ippolito Favazza e Caterina Cascio (Selex Es spa).

 

Per la provincia di Catania Giovanni Carlo Caro e Antonino Guardo (Stmicroelectronics srl); Vincenzo Mavica (C. Nanni Sicilfodera snc); Giovanni Puglisi (Telecom). Per la provincia di Caltanissetta Antonio Rosario Bellanca (Patronato Inas); Francesco Paolo La Barbera (Mussomeli, Poste italiane); Michele Tedesco (S.I.Fin. srl Hotel San Michele).

 

Per la provincia di Agrigento: Antonino La Porta (Porto Empedocle, Bellavia srl); Nunziata Marullo, Giuseppe Petisi e Salvatore Mazza (Porto Empedocle, Cimino alta moda conf. srl); Lucia Restivo (Lumia Salvatore srl). Per la provincia di Messina: Maria Currao (Poste Italiane), Sergio Foti (Barcellona, Poste Italiane) e Lucia Ficarra (Santa Teresa Riva, Poste italiane).

 

Per la provincia di Siracusa: Giovanni Cardella, Emanuele Spicuglia, Salvatore La Pusata e Giuseppe De Sensi (Augusta, Esso Italiana srl); Felice Nanè (Priolo Gargallo, Enel produzione spa). Per la provincia di Trapani: Mario Calafato (Mazara del Vallo, Poste italiane); Giovan Battista Di Giovanni (Telecom Italia); Baldassare Cammareri (Farmacia dott. Marini Sofia). Per la provincia di Ragusa: Rocco Cacciatore (Poste italiane); Mario Denaro (Telecom Italia); Giovanna Distefano (Seminario vescovile).