Per sostenere imprese “in rosa” iniziativa di Camera Commercio Palermo-Enna

Protocollo d'intesa tra Comitato per l'imprenditoria femminile e Banca Don Rizzo finalizzato a sostenere la realizzazione di progetti di investimento presentati da imprenditrici o società a prevalente compagine formata da donne, anche assicurando il reperimento delle necessarie risorse finanziarie

0
31

Oggi è stato sottoscritto il protocollo d’intesa tra il Comitato per l’Imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Palermo ed Enna e la Banca Don Rizzo Credito Cooperativo della Sicilia Occidentale finalizzato a sostenere la realizzazione di progetti di investimento presentati da imprenditrici o società a prevalente compagine femminile, anche assicurando il reperimento delle necessarie risorse finanziarie.

La Camera di Commercio di Palermo ed Enna, attraverso il Comitato per l’Imprenditoria Femminile, nel promuovere gli interventi normativi volti ad agevolare la nascita di “imprese femminili” neo costituite, o lo sviluppo di quelle già attive, ha modo di intercettare iniziative ritenute valide ed ammesse alle misure di sostegno (quali ad esempio il Fondo Impresa Femminile) la cui realizzazione richiede la possibilità di accedere al credito bancario.

“Il Comitato” segnalerà alla Banca le iniziative imprenditoriali ricadenti nel perimetro di competenza territoriale della stessa con una scheda sintetica di presentazione dell’iniziativa ammessa alle agevolazioni. La “Don Rizzo” contatterà nell’arco di 15 giorni lavorativi le imprenditrici avviando l’istruttoria per la concessione dei necessari finanziamenti. Al fine di assicurare il necessario supporto anche consulenziale, in linea con la vocazione territoriale del Credito Cooperativo, l’iter dell’affidamento sarà seguito dallo sportello fisicamente più prossimo all’impresa. L’intervento della Banca potrà riguardare sia l’anticipazione degli eventuali contributi a fondo perduto previsti dalle misure agevolative che l’erogazione di “finanza” all’impresa o alle socie, per assicurare la copertura dell’investimento. L’intesa ha validità di 1 anno dalla data di sottoscrizione e si rinnoverà tacitamente per lo stesso periodo.

“Con la firma di questo accordo – spiega Angela Pisciotta, presidente del Comitato Imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Palermo ed Enna – cerchiamo di dare supporto concreto alle donne che decidono di avviare un’impresa o che promuovono programmi di investimento in aziende già esistenti. Cerchiamo così  di aiutare le imprenditrici ad utilizzare al meglio le risorse del Pnrr. Riteniamo che la collaborazione con la banca don Rizzo sia un tassello importante consentendo alle nostre imprenditrici di avere un canale preferenziale con l’istituto di credito che le assisterà nel reperimento dei mezzi finanziari per l’attuazione dei loro programmi di investimento”.

“La Banca Don Rizzo, nella sua vocazione di banca locale e mutualistica – dice Antonio Pennisi, direttore generale Banca Don Rizzo –  è assolutamente consapevole dell’importanza di favorire l’inclusione nel mondo del lavoro e dell’impresa della donna, nella convinzione che l’emancipazione femminile dalla sudditanza economica rappresenta ricchezza e fattore di sviluppo per la collettività. L’intesa stipulata con la Camera di Commercio – aggiunge – non è frutto di un atteggiamento politically correct ma si colloca nel solco di una tradizione ultracentenaria di presenza sul territorio affiancando i soggetti ‘più svantaggiati’ consapevoli della ricchezza che ‘l’inclusione’ anche  finanziaria di questi può rappresentare per lo sviluppo economico, sociale e culturale della collettività”. (nella foto da sinistra angela pisciotta, antonio pennis, andrea peria e nicola la rocca)