Trattativa Stato-mafia, il pm Di Matteo: “Ciacimino scalino basso su cui molti si accaniscono”

0
53

Massimo Ciancimino, il teste chiave del processo sulla trattativa tra Stato e mafia è “lo scalino basso su cui molti si accaniscono”. Così, il pm Nino Di Matteo, proseguendo la requisitoria del processo. “Con le sue dichiarazioni Massimo Ciancimino ha smosso le acque placide di una vicenda che doveva restare definitivamente sepolta dietro il muro di gomma di non dichiarati segreti di stato”, dice ancora Di Matteo.

Non solo. Ha ricordato che è stato lo stesso Ciancimino, che oggi sta scontando una pena in carcere, “è stato colui che, dopo il suo arresto, ha fatto ritrovare l’esplosivo nella sua abitazione”. E ha aggiunto: “Massimo Ciancimino non ha mai goduto di alcun trattamento di favore da parte della Procura di Palermo, anzi”. “Dire che la Procura ha trattato in maniera privilegiata Ciancimino è smentito da dati oggettivi”. (AdnKronos)