Processo Saguto, i regali del professore al figlio dell’ex magistrato e la “sedia regale”

0
53
processo saguto

Processo Saguto, l’attenzione del pm concentrata sui regali di Carmelo Provenzano, ex docente dell’università Kore di Enna all’ex capo dell’ufficio Misure di prevenzione del Tribunale di Palermo.

Provenzano, coinvolto nell’ambito del cosiddetto “sistema Saguto”, non solo avrebbe scritto la tesi di laurea ad Emanuele Caramma, figlio dell’ormai ex magistrato, ma avrebbe anche provveduto ad organizzare un rinfresco che sarebbe costato 15 euro a persona.

Questo almeno secondo il pubblico ministero Maurizio Bonaccorso, intervenuto durante la sua requisitoria del processo che si celebra a Caltanissetta. La commissione di laurea, premiò Emanuele Caramma, nonostante le sue esitazioni, con otto punti. E poi tutti a far festa con aperitivo, primi, prosecco e spritz. Piccolo rinfresco per trenta persone a carico di Carmelo Provenzano. 500 euro spesi dall’ex professore della Kore per manifestare l’affetto che provava per quel ragazzo. Così Provenzano avrebbe giustificato quel suo gesto.

L’ex docente avrebbe anche regalato al figlio della Saguto, un iPhone 6. Provenzano sarebbe stato così legato alla Saguto che quando il magistrato si lamentò per la sua sedia, lui fece di tutto per accontentarla e contattò una persona chiedendo, si legge nei resoconti degli inquirenti, “una sedia di rappresentanza regale per la donna più importante che ci ho, tipo mia moglie, mezza parola, deve essere la sedia più bella che c’è, comoda, deve essere proprio di rappresentanza”. La sedia costò all’ex docente della Kore, 130 euro.