Prof sospesa, Bussetti al question time: “Il ministro non può revocare sanzione”

0
46

“Nessun ministro, neanche quello dell’istruzione, dell’università e della ricerca, può sanzionare disciplinarmente un dipendente pubblico né può revocare, come nel caso relativo alla professoressa di Palermo una sanzione disciplinare comminata da un dirigente”. Lo ha affermato il ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, rispondendo ad una domanda della deputata Lucia Ciampi durante il question time alla Camera a proposito della sospensione per 15 giorni comminata dall’ufficio scolastico provinciale alla professoressa Rosa Maria Dell’Aria, i cui studenti hanno paragonato in una ricerca le leggi razziali del 1938 al decreto sicurezza voluto dal ministro Matteo Salvini.

“Posso invece confermare – prosegue il ministro Marco Bussetti – che i competenti Uffici del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca sono in questi giorni impegnati a verificare, con i legali della professoressa, la praticabilità giuridica di una conciliazione della vertenza”.

“Quanto, invece, alla richiesta di azioni disciplinari nei confronti dei docenti che incitano alla xenofobia e ad altre forma di razzismo – aggiunge Marco Bussetti -, nel ribadire che il Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca non può sanzionare un docente e, più in generale, un dipendente scolastico, voglio rassicurarla che i competenti Uffici del mio Dicastero provvederanno a sanzionare qualsivoglia forma di razzismo o intolleranza posta in essere in ambito scolastico, sia che provenga dal personale scolastico sia che provenga dagli studenti. Non dobbiamo, infatti, mai dimenticare che la scuola, come diceva Pietro Calamandrei, è un organo centrale della democrazia e la democrazia deve permettere ad ogni uomo la sua parte centrale di sole e dignità”, conclude Marco Bussetti.