Rifiuti: per 66 comuni siciliani chiesta in ritardo la proroga per l’utilizzo della discarica di Siculiana

0
48

Per 66 comuni siciliani, potrebbe profilarsi all’orizzonte un periodo difficile per quanto concerne lo smaltimento dei rifiuti urbani. A sollevare il problema è stato il deputato del M5s all’Assemblea Regionale Siciliana, Giampiero Trizzino, componente della commissione Ambiente di Palazzo dei Normanni, il quale ha spiegato che “la mancata richiesta per tempo al governo nazionale della proroga dell’ordinanza ministeriale, che ha consentito a 66 comuni fino al 31 maggio di conferire presso la discarica Catanzaro di Siculiana, adesso rischia di mettere in ginocchio questi Enti locali”.

L’esponente pentastellato ha detto che la Regione, essendosi mossa con notevole ritardo, sta mettendo a repentaglio la raccolta di circa 500 tonnellate giornaliere di rifiuti, in diverse località delle province di Trapani, Agrigento e Caltanissetta.

Trizzino ha inoltre evidenziato un paradosso: “per i Comuni oltre al danno si aggiunge la beffa. La stessa Regione, che a loro continua a mettere i bastoni tra le ruote, ha previsto pesanti misure per quelli che non superano il 35%di raccolta differenziata, condannandoli a pagare le spese di trasferimento dei rifiuti fuori Regione”.