Rifiuti: Sicilia fanalino di coda nella differenziata secondo il Rapporti Ispra

0
39
rifiuti

Rifiuti: Sicilia fanalino di coda nella differenziata secondo il Rapporti Ispra. La Regione siciliana produce circa 2.350.000 tonnellate l’anno di rifiuti, con una quota di differenziata che nel 2015 è stata del 12,8%, secondo gli ultimi dati del Rapporto Ispra, valori molto lontani dall’obiettivo nazionale del 65%, che mantengono la Sicilia all’ultimo posto in Italia. Il trend del 2016 ha pero’ mostrato un incremento, arrivando a fine anno ben oltre la quota del 20%. La quota di frazione organica, la Forsu, si attesta a 200.000 tonnellate.

A fronte di questa crescente disponibilità di Forsu, rimane invece largamente insufficiente la capacità di trattamento locale. Mentre sono stati autorizzati numerosi progetti, per un potenziale complessivo di 400.000 tonnellate, i nuovi impianti costruiti sono pochissimi. Allo scopo di affrontare meglio le criticità e favorire i contatti con gli imprenditori di questa filiera, Agroenergia organizza il 22 giugno, a Palermo, un seminario: “Trattamento e recupero energetico della frazione umida dei rifiuti”, alla Camera di Commercio.

Il convegno presenterà lo stato della raccolta differenziata ed affronterà gli aspetti della digestione anaerobica e delle sue positive valenze ambientali, rappresentate dall’utilizzo del biogas per l’immissione di biometano nella rete gas, in sostituzione di metano di origine fossile, del suo utilizzo per una mobilità più pulita e, non ultimo, dalla produzione di fertilizzanti biologici. Per partecipare e’ necessario iscriversi sul sito www.agroenergia.eu. (ANSA).