Rinascente a Palermo, l’ad Cocchini: “C’è ancora uno spiraglio”

0
499

“Non voglio illudere nessuno, ma per la permanenza di Rinascente a Palermo c’e’ ancora uno spiraglio”. Lo dice all’ANSA l’amministratore delegato Pierluigi Cocchini, dopo l’incontro di stamattina, in sede di Ministero del Lavoro, promosso dai due sottosegretari, il palermitano Steni Di Piazza e Francesca Puglisi. “Siamo in piena trattativa con Fabrica Immobiliare – aggiunge Cocchini – e come gruppo stiamo offrendo molto di più rispetto al valore di mercato. Ci stiamo impegnando ad avvicinare le nostre rispettive posizioni”.

In ballo ci sono 80 posti di lavoro oltre a tutto l’indotto. La riunione è stata aggiornata a venerdì mattina dopo mezzogiorno, quando si dovrebbero tirare le fila della trattativa in corso tra Rinascente e Fabrica Immobiliare, che gestisce per conto di Inarcassa l’immobile di via Roma a Palermo dove si trova la filiale del gruppo.

“La mia sensazione – dice il sottosegretario del Lavoro, Steni Di Piazza è che la Rinascente resta perché ha sempre detto che vuol restare a Palermo, l’incontro è stato dai toni equilibrati tra persone responsabili, che comprendono il momento terribile che stiamo vivendo, credo che ci sia un riavvicinamento tra le parti”.

Dunque, tutto rimandato a venerdì mattina, in presenza dei due sottosegretari, del sindaco Leoluca Orlando, di Fabrica Immobiliare e Inarcassa, ma già in queste prossime ore Cocchini e i rappresentanti di Fabrica Immobiliare si sentiranno per continuare una trattativa che in un modo o in un altro si chiuderà venerdì. Anche perché Rinascente aveva annunciato la chiusura della sede di Palermo per sabato 31 ottobre. (Ansa)