Rocciatore francese ferito a Macari soccorso a San Vito lo Capo

0
88

Operazione congiunta del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico e dell’Aeronautica militare per recuperare un rocciatore francese rimasto vittima di un incidente mentre arrampicava nelle pareti di Macari, a San Vito Lo Capo.

In azione un elicottero dell’82° centro Sar di Trapani Birgi sul quale è stato imbarcato un elisoccorritore del Cnsas mentre da terra operavano altre due squadre a piedi. L’incidente si è verificato poco prima delle 10 quando l’uomo, che stava arrampicando insieme ad un amico, è stato colpito da una grossa pietra staccatasi dalla parete. Il compagno ha telefonato alla centrale del 118 che, a sua volta, ha allertato il Soccorso alpino.

Per velocizzare le operazioni di recupero è stato fatto decollare un elicottero da Birgi che ha imbarcato un tecnico del Cnsas a Castellammare mentre a terra si muovevano una squadra del Soccorso alpino da San Vito e una da Palermo.

scalatoreI primi tecnici arrivati a piedi sul luogo dell’incidente hanno stabilizzato il rocciatore ferito che aveva riportato un sospetto trauma cranico. Subito dopo è arrivato l’elicottero del Sar dal quale si sono calati con il verricello due tecnici dell’Aeronautica e uno del Cnsas con la barella. Il ferito è stato imbarellato e issato a bordo col verricello per essere trasferito all’ospedale Civico di Palermo. Si tratta di M.C. 52 anni, di Parigi.

Un incidente simile si era verificato il 16 novembre del 2014 quando la guida alpina austriaca Stefan Rass, 31 anni, era rimasto vittima di un grave incidente proprio mentre arrampicava a San Vito Lo Capo. Il climber era precipitato da un’altezza di circa 25 metri a causa del distacco del masso dove era ancorata la “sosta” che reggeva la corda con la quale stava arrampicando.

Recuperato dalle squadre del Soccorso alpino, con un grave trauma cranico e varie ferite, era stato imbarellato e trasportato al punto di arrivo dell’elicottero del 118 per essere poi trasportato all’ospedale Civico di Palermo. Dopo le prime cure era stato trasferito in ospedale a Salisburgo dove era rimasto per alcune settimane ricoverato in coma indotto per poi riprendersi lentamente.