Sanità, la nuova rete ospedaliera in Sicilia supera lo step dal ministero

0
20
ospedale cervello

Ulteriore passo avanti per la Regione in materia di sanità anche in vista, si spera, nella cosiddetta “stagione” dei concorsi. La buona notizia arriva direttamente da Roma. La Regione Siciliana ha superato positivamente una tappa fondamentale al tavolo interministeriale, relativa alla rimodulazione della rete ospedaliera.

“La proposta di piano elaborata dall’assessorato regionale della Salute per allineare la rete ospedaliera e le reti tempo-dipendenti dell’emergenza-urgenza al decreto ministeriale n.70 del 2015, è stata, con poche prescrizioni, apprezzata favorevolmente dal ministero della Salute e dal ministero dell’Economia e delle Finanze”, ha espresso con soddifazione l’assessore regionale alla Salute dell’isola, Baldo Gucciardi.

Lo stesso Gucciardi ha però sottolineato che “dopo il naturale percorso con la Commissione legislativa Sanità dell’Ars e con le organizzazioni sindacali, si dovrà tempestivamente arrivare ai provvedimenti formali della giunta regionale e dell’assessore regionale della Salute di adozione della nuova rete ospedaliera. Nelle more della definizione della nuova rete ospedaliera, al fine di garantire i livelli essenziali di assistenza e le reti dell’emergenza-urgenza, l’assessorato regionale della Salute avvierà il primo step di reclutamento del personale”.

Questo step, ha evidenziato l’assessore “riguarderà prioritariamente le procedure di concorso già definite relative ai profili professionali indispensabili ad assicurare le prestazioni sanitarie obbligatorie per la tutela della salute dei cittadini. Dopo l’adozione dei provvedimenti definitivi richiesti dai ministeri competenti, l’assessorato si attiverà per avviare le ulteriori procedure”.

Plauso è arrivato dal presidente della Commissione Sanità all’Arsa, Pippo Digiacomo: “La valutazione positiva del ministero della Sanita’ e del ministero dell’Economia in merito alla rimodulazione della rete ospedaliera, territoriale e dell’emergenza-urgenza proposta dall’assessorato alla Salute, ha dato una forte connotazione positiva ai lavori del governo e del parlamento regionale in questa sessione estiva. Rivolgo i complimenti all’assessore Gucciardi ed al suo staff – aggiunge Digiacomo – per aver raggiunto questi fondamentali obiettivi che, di fatto, avvicinano il percorso che potera’ alla definizione ed all’avvio delle procedure concorsuali nel servizio sanitario regionale”.

Il giudizio di Marco Falcone, capogruppo di Forza Italia all’Ars:”Bene l’approvazione della rimodulazione della rete ospedaliera siciliana da parte del Ministero, e di questo diamo atto all’assessore Gucciardi, nulla più impedisce pertanto di avviare i concorsi per i dirigenti medici, e non solo, di stabilizzare il personale che ha i titoli per potere essere stabilizzato, di riorganizzare con le necessarie risorse umane e professionali un settore, quale quello sanitario, che oggi in Sicilia non puo’ più essere esempio di arretratezza, ma che deve entrare nella più alta competitività con i migliori sistemi sanitari regionali italiani. Tra i principali obiettivi vi sia quello di ridurre quei 250 milioni di euro di mobilita’ passiva che la Regione paga annualmente per i viaggi della speranza”.