Scultura: sabato 12 a Gangi inaugurazione di “…Volo in libertà” di Aless

0
28

“…Volo in libertà” è l’opera scultorea, realizzata dall’artista Aless, in lamiera Corten policroma, di oltre 3 metri di altezza per quasi 3 di larghezza, che rappresenta il simbolo della libertà e che verrà inaugurata domani pomeriggio, a partire dalle 17, sul terrazzo Belvedere di Gangi (Pa). Un omaggio al borgo madonita.

“Il dono di quest’opera è l’omaggio tangibile della mia amicizia e gratitudine ai cittadini di Gangi che da oltre vent’anni hanno sempre manifestato a me e alla famiglia Gianbecchina ammirazione ed affetto”, dice Alessandro Gianbecchina.

“L’opera – si legge in una nota – rappresenta il simbolo della libertà. Un concetto di grande respiro in un momento storico delicatissimo per il futuro dell’Europa. Ed è in questi tragici e dolorosi giorni in cui la libertà viene oltraggiata e calpestata che questa opera assume un significato ancora più profondo”. “Dedico quest’opera a tutti gli uomini, donne e bambini che nel passato e in questi terribili giorni hanno dato la propria vita per la libertà”, dice Aless. Per il sindaco di Gangi, Francesco Migliazzo, il dono di Aless è un “arricchimento artistico e architettonico per il nostro territorio. Un’occasione in più per visitare il nostro meraviglioso borgo”.

Rosanna Migliazzo, presidente dell’Istituzione Gianbecchina, che a Palazzo Sgadari ha allestito la mostra permanente con le opere del maestro Gianbecchina, sottolinea il valore dell’opera: “Alessandro Gianbecchina ha avuto sempre un legame speciale con Gangi – dice -. L’atto d’amore che ha fatto per Gangi è meraviglioso e questo suo rapporto con il territorio l’ha portato a realizzare un’opera unica che vuole essere un omaggio al territorio. La scelta di questa opera, il materiale utilizzato e il suo posizionamento nella magnifica terrazza che si affaccia sul belvedere è il miglior luogo che possa esserci”.

L’inaugurazione dell’opera sarà anche l’occasione per rilanciare la mostra che verrà inaugurata il primo aprile e che sarà visitabile fino al prossimo 30 giugno a palazzo Bongiorno dal titolo: “Gianbecchina il grande paesaggio” protagonista: terra, arte e natura”.