Sequestro dei beni per Gammicchia, ecco l’elenco delle attività e delle proprietà

0
413

Il sequestro di beni per oltre 17 milioni di euro a Vincenzo Gammicchia, scoperchia la trama di affari illeciti di cosa nostra a Palermo. Il 71enne imprenditore nel settore della vendita ed assistenza di pneumatici è incensurato ma viene ritenuto dai magistrati “contiguo” alla mafia.

Secondo dichiarazioni, precise, puntuali e ricorrenti, rese nel corso degli anni da numerosi collaboratori di giustizia, Gammicchia era un soggetto “a disposizione” dei boss per investire nelle proprie attività risorse di provenienza illecita riconducibili alle famiglie mafiose dei Galatolo e dei Fontana, dei quartieri Acquasanta e Arenella.

I beni sequestrati, che saranno affidati ad un amministratore giudiziario affinché li gestisca nell’interesse della collettività, sono 2 imprese e relativi compendi aziendali a Palermo dnel settore della vendita e riparazione di pneumatici, con 5 punti vendita dislocati in diversi quartieri cittadini; l’80 per cento delle quote societarie di un Consorzio a Palermo del settore della revisione dei veicoli; 25 immobili (appartamenti e magazzini), tra i quali in particolare due ville di cui una in zona San Lorenzo con piscina ed una a Isola delle Femmine; 44 rapporti bancari, 10 polizze vita e 2 cassette di sicurezza; 11 fra autoveicoli e motoveicoli.