Sequestro di beni a Milano per Gaetano Fontana, figlio del boss dell’Acquasanta

0
98

Sequestro di beni, per un valore superiore al milione di euro, a Milano nei confronti di Gaetano Fontana, 43enne esponente della famiglia mafiosa dell’Acquasanta di Palermo.

A effettuarlo gli agenti dell’ufficio Misure di prevenzione della divisione anticrimine della questura di Palermo che, con la collaborazione dei colleghi di Milano, hanno sequestrato a Fontana una gioielleria in via Felice Cavallotti, nel cosiddetto quadrilatero della moda di Milano, formalmente intestata alla convivente, ma di fatto a lui riconducibile.

Il valore di gioielli e preziosi è ancora in corso di quantificazione. Sequestrati inoltre 3 immobili a Milano, in zona residenziale, e sei rapporti finanziari per circa 50mila euro.

Gaetano Fontana – figlio di Stefano, reggente in vita della famiglia mafiosa palermitana dell’Acquasanta – è sottoposto dal 2010 alla misura della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno a Milano in quanto ritenuto appartenente a cosa nostra e già condannato definitivamente quale reggente della famiglia mafiosa dell’Acquasanta, per conto della quale gestiva la riscossione del pizzo.