“Settimana delle culture”, ecco gli eventi in programma mercoledì 13

0
29

Tanti gli appuntamenti proposti per mercoledì 13 maggio dalla “Settimana delle culture”, promossa dell’omonima associazione presieduta da Gabriella Renier Filippone, in collaborazione con il Comune di Palermo, l’assessorato regionale ai Beni culturali, la Provincia e l’Università. Tutti gli appuntamenti, se non è diversamente indicato, sono ad ingresso libero. 

Dalle 9.30 alle 16.30 al Museo Diocesano di Palermo (Mudipa, in via Matteo Bonello 2), fino a venerdì 15 maggio, “C’era una volta Rosalia… sincretismi a Palermo”. Il progetto incentrato sulla figura della Santa Patrona di Palermo, propone un percorso interculturale tra storia, devozione e tradizione. Laboratori didattici per bambini (Scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado) curato da Didart-Laboratorio Sperimentale/Muse costo 3 euro (biglietto d’ingresso incluso). Prenotazione obbligatoria  (entro le 24 ore precedenti) contattando Didart: didartlab@libero.it, 3485554009, 3493128465. Il racconto C’era una volta Rosalia, che descrive il legame millenario che unisce la figura di Rosalia alla città di Palermo e alle varie realtà culturali in essa presenti, sarà letto dalle operatrici durante la visita al Museo Diocesano di Palermo. Gli alunni saranno coinvolti nelle varie fasi di disvelamento del personaggio protagonista della giornata, Rosalia, da sempre emblema di sincretismi culturali. Al termine dell’attività si svolgerà il laboratorio ludico – didattico durante il quale i bambini saranno coinvolti in un’attività di rielaborazione dell’immagine.

Alle 10, a Palazzo Ziino (in via Dante 53 è in programma una visita guidata alla Gipsoteca a cura di Antonella Purpura.

Dalle 10.30, nella Chiesa di San Giorgio dei Genovesi (nell’omonima piazza), manifestazione in ricordo di Padre Pino Puglisi. Si comincia alle 10.30 con l’apertura della Chiesa e la visita alla mostra della sezione UCAI di Palermo, “Periferie urbane: bellezza e degrado della città”; alle 11, musica per voce e chitarra di Cinzia Romano; alle 12, lettura delle Poesie esposte, con la voce dell’attore Pippo Romeres; alle 13 visita guidata della Chiesa; alle 16 visita delle Cripte con visione della Via Lucis, dipinta dagli artisti UCAI e guida alla conoscenza della storia del Mandamento Castellammare; alle 17 “In Cripta”, concerto di musica classica con la soprano e pianista Dalida Virga, il chitarrista Dario Cirrito ed il violinista Aldo Mausner, a cura di Ucai.

Dalle 11, nella bottega 5 dei Cantieri culturali alla Zisa (in via Paolo Gili 4), “Bottega Armamari – Creatività per la terra”, a cura di Rosanna Ferrara. Dalle 11 alle 18, esposizione e laboratori creativi “Cartapesta“, a cura dell’associazione “Come Una Marea Onlus”; “Sculture vegetali“, a cura dell’associazione Marida; alle 19, “La cucina degli scarti“, videoproiezione a cura dell’associazione “Come Una Marea Onlus”; alle 21, “A qui la faute?“, racconto della Costa d’Avorio a cura di Patrizia D’Antona, con S. Konan, A. Venzi dei Madè  Tubabu e P. D’Antona. I laboratori creativi sono a prenotazione, contributo di 2 euro (bambini) e 5 euro (adulti). Le performance artistiche sono a offerta libera. Info e prenotazioni: Rosanna Ferrara 389.1659556 – Alessandra Cerrito (laboratori creativi e giochi) 334.1964521.

Alle 16, all’Institut Français (Cantieri Culturali alla Zisa, via Paolo Gili 4), “Unità nella diversità”, proiezione di video-documentari a cura dell’Associazione Culturale Medio Orientale.

Dalle 15 alle 19, nell’Aula Magna della Scuola Politecnica (ex Facoltà di Ingegneria, in viale delle Scienze), è in programma il seminario “La Sicilia a 360°”, organizzato dall’associazione Fiori di Acciaio e dall’associazione Intesa Donne. Una collaborazione giunta al terzo anno consecutivo. L’edizione di quest’anno sarà dedicata al ‘Made in Sicily’ e a “Lezioni di cittadinanza”: potenzialità valoriali della Sicilia e di altri temi cruciali che, in questo momento di rivoluzione economica e sociale, rivestono precipua importanza. Ad aprire i lavori sarà il Rettore Roberto Lagalla. Interverranno il presidente della Regione Rosario Crocetta e il presidente di Sicily by Car Tommaso Dragotto. Presente anche il regista e fotografo Pucci Scafidi che parlerà del docu-film “Terra Madre” prodotto dalla Fondazione Dragotto. Il cortometraggio, attraverso un’intesa con la Regione Siciliana, vuole promuovere e divulgare a livello internazionale, l’immenso patrimonio storico-artistico dell’Isola. Ai presenti sarà mostrato un trailer di tre minuti con immagini rappresentative di “Terra Madre”.  

Alle 19 nella Bottega 3 dei Cantieri Culturali alla Zisa, Street food.

Alle 16, con appuntamento alla Cattedrale, “Palermo in un romanzo”, passeggiata letteraria sul testo di Emanuele Drago, a cura di Macaione Editore.

Alle 17, nell’ex convento settecentesco della chiesa di Santa Maria della Catena (corso Vittorio Emanuele 31), è in programma la conferenza di Dario Russo sul tema “Ernesto Basile ieri e oggi: dall’architettura d’interni all’industria del design”, incontro patrocinato dal Ministero per i Beni e le Attività culturali e dall’Università degli Studi di Palermo.

Sempre alle 17 a Palazzo Forcella De Seta (in piazza Kalsa 14) conferenza su “Palermo o della contraddizione: recupero e abbandono”, con interventi di Rosanna Pirajno, Maria Antonietta Spadaro e Iano Monaco, a cura dell’Associazione Settimana delle Culture e dell’Anisa.

Alle 17.30 all’Arsenale della Marina Regia (in via dell’Arsenale 140), inaugurazione della mostra “Barche, velieri e vascelli”, con le opere in corda piombata (nella foto in alto) del maestro Agostino Prestigiacomo (Palermo 1930), artista della borgata di Vergine Maria: una tecnica, possibile grazie a un lungo e paziente lavoro di intreccio eseguito con la corda di Manila, abitualmente utilizzata in campo marinaro per creare cime, gomene e funi per le navi, o anche per la fabbricazione di reti  da pesca. Prestigiacomo, infatti, ex operaio dei cantieri navali, è stato anche “imbarcato” a lungo e ha “armato” la nave goletta Palinuro della Marina Militare Italiana.

E allo stesso orario, sempre all’Arsenale sarà inaugurata la mostra di gioielli artigianali di Melania Costa, intitolata “Opuntia: l’anima del ficodindia e i doni del mare”.

Alle, 18 nel Salone dei Musici di Palazzo Alliata di Villafranca (in piazza Bologni), presentazione del libro di Francesco Corso “Artefatti di un artista”.

Sempre alle 18, al Caffè del Teatro Massimo, conversazione con Ferdinando Maurici, esperto di archeologia e storia medievale, castellologia e dei toponimi di origine araba. A cura dell’Istituto Italiano dei Castelli, sezione Sicilia Delegazione di Palermo e di Trapani. L’incontro sarà introdotto dalla vicepresidente regionale Marinella D’Alì. Fernando Maurici racconterà, anche grazie ad alcuni video, l’influenza che ebbe la cultura araba nell’edificazione della città, dalle mura, alle porte, ai palazzi, alle strade.

Alle 18, alla Libreria Macaione, “Storie da raccontare dal 1943”, a cura dello Spazio Cultura Macaione.

Alle 21 al cinema Lux (in via Francesco Paolo Di Blasi 25), proiezione de “Il coraggio dell’amicizia” per la regia di Orazio Bottiglieri, film interamente realizzato a Palermo nel 2015 con attori del laboratorio teatrale FormaPalermo. Saranno presenti gli attori e il regista. A cura dell’Associazione FormaPalermo 2010.

Sempre alle 21, al Teatro Lelio (in via Antonio Furitano 5), “La Patente” di Luigi Pirandello, per la regia di Claudio Ambrosetti e “Cecè” sempre di Pirandello per la regia Francesco Capillo.

Allo stesso orario (21), a Palazzo Alliata di Villafranca, “Quelli della Rosa Gialla Show”, spettacolo–varietà a cura dell’Associazione “Quelli della Rosa Gialla”. Ingresso con contributo di 5 euro.

 

Le mostre in corso per la «Settimana delle culture»

 

Fino al 17 maggio, all’Orto Botanico (in via Lincoln 2), “FuturistGarden, suggestioni culturali&colturali”, con le installazioni “Paesaggi isolani” e “Cappelli in fiore”, a cura di Maria Elena Marani e Giannino Tufano. Questi gli orari: 9/13 e 16/20.

Sempre per tutta la durata della “Settimana delle culture”, dalle 10,30 alle 13 e dalle 16 alle 20 (la domenica solo su appuntamento), da Giuseppe Veniero Project (piazza Cassa di Risparmio 22) è possibile visitare “Oratorio dell’inganno”, mostra di Michelangelo Galliani. L’artista emiliano presenta circa una decina di sculture in marmo e piombo, tutte inedite: sono per la maggior parte esposte a parete, salvo una, collocata al centro dello spazio a fare da fulcro dell’intera esposizione.

Dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18 visite a Palazzo Alliata di Villafranca (in piazza Bologni). All’interno del Palazzo è, inoltre, possibile visitare la mostra fotografica, intitolata “Palermo scrigno di storia. Itinerario fotografico dell’architettura arabo-normanna”, a cura di Michele Salica. Con gli stessi orari, si può visitare la “Stanza del Cuoio”. Nel salone dei musici del Palazzo, fino al 13 maggio, è in corso “Shoah”, mostra-documentario a cura di Andrea Cabrera. E fino al 22 maggio, nella Sala di Fabrizio di Palazzo Alliata si può ammirare la mostra pittorica “De Rerum Natura”, con opere di Rosalia Marchiafava. Ingresso al Palazzo 3 euro.

Fino al 17 maggio, allo Spazio Cannatella (in via Papireto 10), dalle 16 alle 19 è aperta la mostra di fotografia/backstage “Tablo” di Elisabetta Errante. Il lavoro teatrale è semplicemente una domanda che si chiede quale sia oggi il rapporto tra autorità e libertà, e quale il ruolo dell’uomo dentro questo rapporto…e dell’artista come essere umano in costante dis-armonia con la realtà stessa. Non pretendiamo di trovare una soluzione poiché la risposta è già nella ricerca… dell’arte e nella nostra stessa esistenza. A cura dell’associazione Apeiron.

Fino al 24 maggio, allo Studio 71 (in via Vincenzo Fuxa 9), Senso, installazioni di Filli Cusenza. A cura di Vinny Scorsone.

Fino al 24 maggio, a Palazzo Sant’Elia (via Maqueda 81), dalle 9 alle 18 è possibile visitare la collettiva di pittura “Fuori dall’ombra 2”. A cura di Anna Maria Ruta. Opere di Luigi Citarrella, Cinzia De Luca, Nicolò Giuliano, Maria Rosaria Grassi, Dan Iroaie, Giovanna Lentini, Liliana Paganini, Eugenio Tagliavia, Aurora Varvaro, René Vinçon, Marilù Viviano, Stefano Zangara. Omaggio ad Ignazio Apolloni con Opere di Calogero Barba, Lillo Giuliana, Michele Lambo, Giuseppina Riggi, Salvatore Salamone, Franco Spena, Agostini Tulumello.

Sempre a Palazzo Sant’Elia è in corso la collettiva di fotografia “Lo sguardo e la luce 2015”, a cura di Maria Antonietta Spadaro. Fotografie di Patrizia Campanella, Santo Eduardo Di Miceli, Giacomo D’Aguanno, Flaminia Fanale, Turiana Ferrara, Francesco Fornasari, Rosellina Garbo, Valerio Marchese, Silvia Melodia, Rori Palazzo,  Fabio Savagnone, Max Serradifalco, Benedetto Tarantino, Teresa Werber. Le due mostre sono organizzate dall’Associazione Settimana delle Culture, hanno collaborato Lucian Albanese e Giorgio Filippone. Orari: 9/18

Ancora nel Palazzo di via Maqueda si può visitare la mostra collettiva d’incisione “10 incisori a Palazzo Sant’Elia”. Opere di Rosario Amato, Liliana Conti Cammarata, Nicolò D’Alessandro, Patrizio Di Sciullo, Laura Giambarresi, Carla Horat, Edo Janich, Gino Merlina, Vincenzo Piazza, Lanfranco Quadrio. A cura di Liliana Conti Cammarata e Nicolò D’Alessandro, in collaborazione con il Laboratorio D’Alessandro, Museo del disegno. Patrocinato da Salvare Palermo.

Infine, nella Cavallerizza di Palazzo Sant’Elia, dalle 9 alle 18 può essere visitata “Nel segno della memoria”, mostra di disegni di personaggi illustri ospiti al Grand Hotel Des Palmes di Palermo. Collezione di Toti Librizzi.

Fino al 30 maggio, al Real Albergo dei Poveri, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19, si potrà visitare “Polemos”, La mostra raccoglie opere sul tema della legalità, realizzate dagli studenti, insieme con i loro docenti, dei Licei Artistici, degli Istituti d’Arte e delle scuole secondarie di secondo grado del distretto palermitano. La produzione artistica avverrà con l’uso di tutte le tecniche della comunicazione e rappresentazione visiva L’esperienza didattica si svilupperà attraverso secondo gli indirizzi di studio: design, grafica, scenografia, arti figurative, architettura e ambiente, ceramica, mosaico. A cura di Angela D’Angelo e Giuseppe Campo. Organizzato da Associazione Casa Memoria “Felicia e Peppino Impastato” onlus.

Fino al 14 giugno, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19, nella sala biblioteca del C.R.I.C.D, al Real Albergo dei Poveri è in corso la mostra “Metropolis, 303 artisti per un libro di artista di sessanta metri”, a cura del Centro Internazionale della Grafica di Venezia.

Sempre fino al 14 giugno, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 19, al Real Albergo dei Poveri, si potrà anche visitare Le Tele di Penelope fra le trame e gli orditi, mostra di tessuti dei cinque continenti dal VI al XX secolo. Collezioni di Santo Campanella e Luciano Riccobono.