Siracusa: paziente si suicidò al pronto soccorso, indagati due medici

0
108

Due medici in servizio presso l’ospedale Umberto I di Siracusa, sono indagati per la morte di Antonella Scorpo di 48 anni. La donna, il 3 luglio dello scorso anno, si uccise lanciandosi nel vuoto da una finestra del pronto soccorso.

La paziente era stata ricoverata dopo aver ingerito della candeggina, ma il figlio, resosi conto delle insane intenzioni della madre, era riuscito a chiamare per tempo gli aiuti e a farla trasportare al nosocomio. Ma Antonella Scorpo, poco dopo riuscì a gettarsi da una finestra della struttura, morendo dopo 8 ore di agonia.

Adesso però, un esposto presentato dal fratello della donna, l’avvocato Emanuele Scorpo, ha indotto la Procura di Siracusa ad aprire un fascicolo e così, a due medici sono stati notificati avvisi di conclusione delle indagini con l’accusa di omicidio colposo.

I due professionisti sono sospettati di negligenza, non avendo preso gli opportuni provvedimenti per sorvegliare la donna che si trovava in un momento di profonda prostrazione psicologica.