“Stra-buttanissima Sicilia” in scena al Teatro Biondo di Palermo

0
56
stra-buttanissima sicilia

“Stra-buttanissima Sicilia” esordisce questa sera a Palermo al Teatro Biondo con replica domani (ore 21.00). Lo spettacolo teatrale parte dalla domanda: “Quale altra rovina dopo Crocetta?”. La fiaba veritiera è musicata da Ruggero Mascellino al pianoforte e alla fisarmonica, insieme al contrabbassista Massimo Patti e narrata dai satiri Salvo Piparo Costanza Licata, con la straordinaria partecipazione del Maestro puparo Nicola Argento.

Scritto dai giornalisti Peppino Sottile e Pietrangelo Buttafuoco, lo spettacolo è una lunghissima maratona di torpiloqui alla politica “dei pesci grossi che sguazzano dentro alla fogna del potere, dove non c’è più lotta politica senza il mascariamento”.

“E’ la Sicilia delle ombre – si legge in una nota – quella di cui si narra: le ombre del passato, ombre sui forestali, ombre sui provinciali, ombre sulla gestione dei migranti, ombre sui gabinettisti, financo le ombre del ‘Gattopardo’ quelle di Cuffaro & Lombardo stese su quasi tutti i partiti e i candidati surrogati. Stra-buttanissima Sicilia è amaramente teatro di mafia e mezzamafia dove col ghigno vige la regola: quanto più sei anti-mafioso tanto più è mafioso chi non la pensa come te; covo di taverne, verminaio di uomini con la riga che vivono fuori da ogni regola, dove la Cultura è stata data in mano ad un assessore yogurt (con scadenza 3 mesi), dove la Cultura serve solo ai ‘banditi’ per vincere ‘certi bandi’, ma per il resto è superflua come i peli e per questo la tagliano dai bilanci. Un teatro delle evanescenze dove trovi di tutto: il pupo, il mafioso, il politico, l’avvocato e l’avvocaticchio a mezzo servizio”.

La regia è affidata a Giuseppe Sottile del Basto e il coordinamento artistico è curato da Antonio Raffaele Addamo.