Strage di Portella della Ginestra, morto Ignazio Plescia uno degli ultimi superstiti

0
32

E’ morto oggi a 87 anni Ignazio Plescia, uno degli ultimi sopravvissuti alla strage di Portella della Ginestra. Aveva 16 anni il giorno della strage, il primo maggio del 1947: quando la banda guidata da Salvatore Giuliano aprì il fuco sulla folla in festa, si trovava nei pressi del Sasso di Barbato, in groppa al suo cavallo, che fu colpito a morte, mentre lui rimase miracolosamente illeso.

“Siamo vicini alla famiglia di Ignazio Plescia, ricordandone l’impegno e il ruolo nel percorso che portò alla nascita del movimento contadino – dicono il segretario generale della Cgil Palermo Enzo Campo e il segretario della Camera del Lavoro di Piana Antonio Fucarino – Plescia fu uno dirigenti di quel movimento e a Piana degli Albanesi, uno dei centri più attivi durante le lotte per la riforma agraria dell’immediato dopoguerra, fu il punto di riferimento per braccianti e operai. Plescia ha contribuito in prima persona alla crescita della Cgil sul territorio”.

Plescia da giovane frequentò la scuola del partito comunista delle Frattocchie a Roma. Per diversi anni ricoprì la carica di segretario della Camera del Lavoro e del Pci a Piana. Fu eletto per diverse legislature nel consiglio comunale rivestendo più volte la carica di assessore. Contadino per una vita, chiuse l’attività lavorativa da dipendente dell’Assemblea siciliana.

Faceva parte dell’associazione “Portella della Ginestra” e assieme a Serafino Petta, Concetta Moschetto, Mario Nicosia, Rosolino Marino, Giuseppe Italiano, Antonino Cannella ed altri fu protagonista, nel 2003, del primo documentario sulla memoria della strage di Portella della Ginestra. I funerali si terranno domani alle 9,30, nella chiesa di San Giorgio di Piana degli Albanesi.