Strage di via D’Amelio: i mafiosi scagionati chiedono danni allo Stato per 5 milioni di euro

0
78
strage di via d'amelio

I legali dei mafiosi Cosimo Vernengo, Giuseppe La Mattina, Gaetano Murana, Gaetano Scotto e Natale Gambino, assolti nel processo di revisione dopo essere stati condannati perché accusati da falsi pentiti della strage di via D’Amelio, e parti civili all’udienza preliminare a carico dei tre poliziotti imputati del depistaggio dell’inchiesta sull’attentato, hanno citato come responsabili civili il ministro dell’Interno e la Presidenza del Consiglio.

Le citazioni a Palazzo Chigi e al Viminale, come scrive La Repubblica, sono state notificate dai penalisti Rosalba Di Gregorio, Giuseppe Scozzola e Giuseppe D’Aquì, all’avvocatura dello Stato. I cinque chiedono una provvisionale a titolo di risarcimento del danno di un milione di euro ciascuno.

Prima della celebrazione dell’udienza preliminare a carico dei tre poliziotti Mario Bo, Fabrizio Mattei e Michele Ribaudo che appartenevano al pool investigativo che indagò sulla strage e che ora rispondono di calunnia, i legali hanno depositato l’atto di costituzione di parte civile. Costituzione che è stata notificata ai tre imputati.

Successivamente i legali hanno chiesto al gup di Caltanissetta l’autorizzazione a citare i responsabili civili: la Presidenza del Consiglio e il Viminale. Il gup ha dato l’assenso e ora sono partite le notifiche all’avvocatura dello Stato. (ANSA)