Strage di Ustica, la Cassazione: “Difesa e Infrastrutture risarciscano Itavia”

0
43
strage di ustica

Strage di Ustica, per la Cassazione i ministeri devono risarcire la compagnia aerea Itavia. Secondo la suprema corte il ministero della Difesa e quello delle Infrastrutture devono risarcire la compagnia fallita dopo l’abbattimento del suo Dc9 caduto in mare il 27 giugno 1980 con 81 vittime per per “omessa attività di controllo e sorveglianza della complessa e pericolosa situazione venutasi a creare nei cieli di Ustica”. Tra qualche mese sarà verificato se congrua la somma già precedentemente stabilita in 265 milioni di euro.

 “Inammissibile” è stato dichiarato, dalla Sezioni Unite civili della Cassazione, il ricorso con il quale Difesa e Infrastrutture hanno contestato di essere responsabili della caduta del volo I-Tigi – partito 38 anni fa da Bologna e diretto a Palermo – per “fatto illecito” costituito dall’omesso controllo dei cieli, così come stabilito dalla Corte di Appello di Roma con due distinti verdetti del 2012 e del 2013 nei quali i magistrati capitolini avevano dato il via libera alla richiesta risarcitoria portata avanti da Itavia in amministrazione straordinaria.

La compagnia aerea, costretta a chiudere i battenti da una campagna denigratoria, era stata fondata dall’imprenditore marchigiano Aldo Davanzali, morto nel 2005. Poi a prendere il testimone nella battaglia contro lo Stato italiano, difeso anche in Cassazione dall’avvocatura erariale, erano state le figlie Luisa e Tiziana.

Nonostante il governo Letta avesse deciso di non fare più ricorso contro il diritto dei familiari delle vittime di Ustica ad essere risarciti, dalla “pax” era stata esclusa Itavia e infatti la contesa continua ed ora è arrivata alle battute finali. Adesso sarà la Terza sezione civile della Cassazione, nei prossimi mesi, a stabilire se i 265 milioni di euro liquidati dalla Corte di Appello bastano o sono troppi per risarcire la compagnia fallita.

Dalla cifra, per decisione dei giudici, devono essere tolti i circa 3 miliardi e 800 milioni di vecchie lire che Itavia nel 1980 ottenne da Assitalia che liquidò così la perdita del Dc9 il cui valore la ctu aveva stimato in meno della metà, circa un miliardo e 586 milioni di lire.