Targa Florio insanguinata: sulle Madonie morti il pilota Mauro Amedolia e il commissario Giuseppe Laganà

0
73

Targa Florio insanguinata sulle Madonie. Due morti a Isnello, in località Piano Torre: una vettura, è uscita fuori strada e nell’impatto hanno perso la vita il pilota Mauro Amendolia, 53 anni, di Messina, e il commissario di gara Giuseppe Laganà, 56 anni di Lentini, travolto dalla macchina.

Gravemente ferita la figlia di Amendolia, Gemma di 27 anni, giovane ma esperta, che era a bordo della Mini cooper Jcw come navigatore, in rappresentanza del Messina Racing Team, che partecipa ai vari appuntamenti del campionato italiano rally. La ragazza è stata immediatamente trasferita in gravi condizioni all’ospedale Madonna dall’Alto di Petralia Sottana.

Sul posto i carabinieri di Isnello e Cefalù per i rilievi. La gara è stata sospesa ed annullata la gara Geraci-Castelnuovo della PS3 “Piano Battaglia 1”. L’incidente è avvenuto intorno alle 12.30 a Isnello al km 10+500 in località Piano Torre. Sembra che l’asfalto fosse cosparso di nevischio e la Mini Cooper del Racing Team sia uscita fuori strada.

Mauro Amendolia era conosciutissimo nel mondo dei rally e con la figlia Gemma era iscritti con il numero 29 alla Targa Florio nelle prove valide per il campionato italiano di rally assoluto conduttori. Alle figlie Gemma e Valentina aveva trasmesso questa passione per i motori e per i rally, tanto che le due ragazze in equipaggio con la Scuderia Messina Racing Team, il cui direttore sportivo era proprio il padre Mauro, avevano partecipato su Mini Cooper Works al 13° Rally del Tirreno dell’anno scorso.