Tasse & Servizi: per il “Sole 24 Ore” male Sicilia, Sardegna e Calabria

0
18

Umbria, Marche, Friuli-Venezia Giulia svettano nell’edizione 2016 del “Taxpayer Italia”, grazie al mix vincente tra livello di tassazione e servizi offerti ai cittadini. L’elaborazione realizzata dal Centro studi Sintesi per Il Sole 24 Ore su 25 indicatori punta a misurare, a livello territoriale, il grado di corrispondenza fra tasse pagate e infrastrutture, istruzione, salute, sicurezza, ambiente e benessere economico.

L’elevata pressione fiscale spinge verso il basso le grandi Regioni: l’Emilia-Romagna è 11esima, il Lazio 14esimo, la Lombardia 15esima. In tutto il Sud si conferma il legame a doppio filo tra tasse basse e livello “minimo” di servizi. Campania, Sardegna, Calabria e Sicilia occupano tutte le ultime posizioni, insieme alla Valle d’Aosta.

Dove è alto il livello di tassazione, per contro, non sempre c’e’ un link diretto con la qualità dei servizi. Il Lazio registra imposte pro capite tra le più alte (circa 11 mila euro l’anno), ma per qualità dei servizi è nella seconda meta’ della classifica, all’11esimo posto. Il Veneto si distingue in particolare per l’ottimo livello di servizi nelle infrastrutture (terzo posto), nell’istruzione (primo) e nell’economia (quarta posizione). Esce invece dal club dei migliori la Toscana, prima nel 2015 e ora quarta. Agli antipodi troviamo la Sicilia, che mantiene la maglia nera, seguita a ruota da Calabria, Sardegna e Campania.