Terremoto nel Catanese, i vescovi siciliano promuovono una raccolta di fondi

0
11

Le Chiese di Sicilia con i vescovi esprimono “vicinanza e solidarietà” alle “due Chiese sorelle di Catania ed Acireale” per le conseguenze sofferte a causa del recente terremoto, con il suo costante sciame sismico.

“Ci si addolora – si legge nel documento conclusivo della sessione invernale della Conferenza episcopale siciliana – per il notevole disagio che i vari nuclei familiari patiscono nel vedere gravemente lesionate e inagibili le loro dimore. Dispiace, inoltre, che le scuole, gli edifici di culto, le canoniche e gli oratori siano gravemente danneggiati, aggravando lo sconforto della gente, ulteriormente disorientata per non poter usufruire di questi luoghi di aggregazione”, aggiungono i vescovi siciliani.

La vicinanza sarà espressa con una giornata di preghiera il 3 febbraio, durante la quale si potrà anche elargire un’offerta, quale contributo per aiutare la riparazione dei danni subiti. A seguito delle alluvioni e delle gelate delle settimane scorse, “tanti agricoltori hanno subito ingenti danni alle loro colture e, talvolta, hanno perduto l’intero raccolto. I vescovi esprimono la loro vicinanza alla categoria e alle rispettive famiglie, auspicando adeguati interventi pubblici per ripristinare le attività compromesse”.