Tragedia a Casteldaccia: botta e risposta tra il presidente Musumeci e il premier Conte

0
196
ex province

“Ho appreso dalla viva voce del prefetto di Palermo e dai funzionari della Digos che il cerimoniale del presidente Conte non mi avrebbe consentito di accedere al Policlinico, dove avrei voluto accogliere il premier e, assieme a lui, rendere l’omaggio alle vittime di questa notte e portare ai familiari il cordoglio della comunità siciliana”. Lo ha dichiarato il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci.

“Il profondo rispetto per i morti di questa sciagura – ha sottolineato Nello Musumeci – mi ha indotto ad assumere una condotta improntata al senso di responsabilità: ho preferito, senza plateali polemiche, fare rientro alla Presidenza della Regione per presiedere la seduta dalla Giunta e decidere quali ulteriori misure debbano essere adottate a partire da domani, dopo quelle deliberate e realizzate nei giorni scorsi”. “Sia chiaro, questa inaudita vicenda, che non ha precedenti nella storia della Regione Siciliana, allarma e suscita indignazione. Non cerco il rispetto per la mia persona – conclude Musumeci – ma lo pretendo per l’Istituzione che rappresento e per il popolo siciliano. E questo vale per tutte le istituzioni, anche per il presidente del Consiglio”.

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte prima di lasciare Palermo, come apprende l’Adnkronos, ha chiamato al telefono il Governatore siciliano Nello Musumeci. Il Presidente del consiglio e Musumeci si vedranno nei prossimi giorni a Roma. Il Presidente della Regione ha sollecitato il premier la dichiarazione dello stato di emergenza per la Sicilia “sia per gli eventi calamitosi delle scorse settimane sia degli ultimi giorni” e ha chiesto a Conte di potere partecipare al Consiglio dei ministro straordinario così come prevede lo Statuto. E da parte di Conte ci sarebbe stata “grande disponibilità”.

Da Palazzo Chigi spiegano che si è trattato di un disguido occorso anche perché Conte ha deciso di venire in Sicilia all’improvviso, non appena è stato informato della tragedia e senza neppure dare ai suoi uffici il tempo di preavvertire il Governatore e le altre Autorità locali. Conte ha prospettato al governatore Musumeci “che potevano incontrarsi in Prefettura, mentre non era opportuno farlo al Policlinico anche al fine di rispettare le richieste di riserbo dei familiari delle vittime”. L’ha invitato comunque a Palazzo Chigi, il presidente del Consiglio è “sempre disponibile a incontrare i rappresentanti delle istituzioni”, fanno sapere. (AdnKronos)