Tragedia di Casteldaccia, bloccato per la visita alle salme Musumeci dice: “Prefetto inadeguato”

0
208

“Per due volte il presidente del Consiglio è venuto in Sicilia e il presidente della Regione lo ha appreso col massimo ritardo. Pretendo rispetto non per quello che sono ma per quello che rappresento. Qualcuno lo deve dire a Roma che in Sicilia bisogna venire col cappello in mano”, ha detto il presidente della Regione Nello Musumeci con riferimento alla visita del premier Conte a Palermo per l’inaugurazione dell’anno scolastico nell’istituto Pino Puglisi e al sopralluogo di oggi nelle zone colpite dall’alluvione.

Musumeci ha parlato con i cronisti a margine della riunione della giunta regionale, riferendosi all’episodio avvenuto nel Policlinico dove gli è stato impedito di entrare nella stanza in cui Conte stava incontrando i parenti delle nove vittime di Casteldaccia. Per Musumeci l’episodio “costituisce un grave precedente nel momento in cui si tende col neo centralismo romano di condizionare e ridimensionare il ruolo e i poteri e le prerogative della Regione siciliana”.

“Se il premier Conte dice di non avere dato disposizione in questo senso come mi ha detto al telefono, se il capo del cerimoniale dice alla mia struttura di non averne dato disposizione, allora la condotta del capo della Prefettura mi sembra inadeguata al ruolo. Sono portato a pensare che il capo del governo non stia mentendo, quindi o mente il capo del cerimoniale o il Prefetto di Palermo, e allora se così è spero che il prefetto venga allontanato”. Lo dice il presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci.