Truffa sui fondi europei per l’agricoltura, sequestri e denunce nel Messinese

0
33
furbetti del cartellino a siracusa

Truffa sui fondi europei, sequestrati beni per un valore di 106mila euro nel Messinese. A scoprire tutto è stata la guardia di Finanza di Sant’Agata di Militello, nell’ambito di una inchiesta sulle indebite percezioni dei finanziamenti agricoli erogati con fondi pubblici europei ad aziende agricole della zona dei Nebrodi.

In particolare, l’attenzione degli investigatori si è focalizzata sui documenti di due aziende che presentavano alcune anomalie. Secondo uno schema consolidato, i contratti d’affitto di alcuni terreni contenevano dati anagrafici e firme di proprietari che risultavano essere completamente ignari della concessione dei propri terreni agricoli. In alcuni casi risultavano convenzioni di affitto con persone decedute prima della stipula.

Le istanze per le sovvenzioni erano state presentate attraverso centri di assistenza agricola di Catania e di Capizzi. Le aziende avevano richiesto la concessione di contributi pubblici tra il 2007 e il 2015. L’attenta analisi dei dati riportati nelle domande ha permesso di constatare che le superfici illecitamente utilizzate da una delle due aziende agricole erano pari a trenta ettari e incidevano per oltre il trentacinque per cento sul totale indicato in domanda, mentre nel caso della seconda ditta si estendevano su un’area di ben quaranta ettari. I due titolari sono stati denunciati per truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, reato che prevede la reclusione fino a sei anni, oltre che per falso