Turismo culturale euro-Mediterraneo sulla rotta dei Fenici

0
47
turismo culturale

Una nuova strategia per il turismo culturale dei Paesi euro-Mediterranei parte dall’Italia, e precisamente da Puglia e Sicilia, e coinvolge Italia, Francia, Spagna, Grecia, Malta, Tunisia, Palestina, Croazia, Cipro, Libano: sono questi i luoghi da cui parte un sistema condiviso di promozione territoriale al fine di avviare una sorta di “umanesimo del turismo”.

Già avviato il dialogo con Portogallo, Albania e Slovenia per questi nuovi “turismi” che portano i visitatori dentro le case degli abitanti, a contatto con chi vive la quotidianità fatta di tradizioni e culture secolari.

Questo uno dei punti cardine del XII Dialogo Euromediterraneo sulla Rotta dei Fenici che si è concluso a Bari dove esperti si sono dati appuntamento, in occasione dell’Assemblea annuale internazionale dell’Itinerario, per parlare di turismo. Un incontro che è terminatoncon la firma di un documento programmatico – la Dichiarazione di Bari – che sono pronte a sottoscrivere le Regioni Sicilia e Puglia e a cui seguiranno le firme di altri Paesi come Libano, Cipro, ma anche Galizia, Melilla e tante altre realtà territoriali pronte a una nuova riflessione sulla promozione territoriale.

Un esempio è stato l’esperimento del “walking tour” ovvero turisti a piedi nella Bari vecchia tra le case e i baresi, entrando a casa loro, chiacchierando con gli abitanti, incontrandoli e vivendo qualche momento di condivisione con una realtà diversa. Per Antonio Barone, direttore Rotta dei Fenici, “occorre passare da un turismo di destinazione ad un turismo di motivazione – dunque turismo responsabile, compatibile, esperienziale, creativo, accessibile, di comunità – usando modalità operative di autocertificazione delle destinazioni e dei percorsi, in linea con i principi della Convenzione di Faro sul valore del patrimonio culturale per la società”.

Oltre alla Dichiarazione di Bari, un altro risultato è l’accordo di collaborazione tra le Regioni presenti, Puglia, Sicilia e Galizia, nonché le delegazioni degli 11 Paesi presenti a Bari, che permetterà di cooperare alla valorizzazione degli attrattori culturali legati al tema delle Antiche Civiltà Mediterranee, ad itinerari marittimi e subacquei lanciati dall’Assessorato Turismo della Regione Sicilia e dalla Soprintendenza del Mare della stessa regione.