Turismo: riprendono da venerdì i giri del Palermo City Sightseeing

0
17

Ripartono venerdì 17 i tours della City Sightseeing Palermo (www.city-sightseeing.it) che avvia così la nuova fase del post lockdown puntando sui tradizionali giri della città con i caratteristici bus ‘open top’ a due piani, con la massima attenzione e rispetto delle indicazioni sanitarie.

La City Sightseeing Palermo ha deciso di proporre nuove formule dedicate sia ai residenti sia ai visitatori provenienti da tutta la Sicilia, e non solo, in visita al capoluogo siciliano. Intanto, il ticket giornaliero avrà una durata raddoppiata e sarà valido per due giorni consecutivi.

Per i palermitani, inoltre, all’insegna dello slogan ‘Fai il turista nella tua città’, City Sightseeing Palermo offre l’opportunità di conoscere meglio la propria città, proponendo un tour serale con una tariffa assolutamente promozionale e lancia un biglietto dedicato a 5 euro. Il primo tour serale sarà presentato ai soci dello Skal International Palermo e ai giornalisti martedì prossimo.

“Vogliamo essere soggetto attivo della ripresa turistica – dice Tommaso Randazzo, amministratore delegato di City Sightseeing Palermo – e collaborare con la pubblica amministrazione, con i colleghi operatori del settore turistico ed essere anche un vettore culturale per i nostri concittadini. Dopo il lockdown desideriamo riprendere la nostra attività stimolando tutti a conoscere ed apprezzare sempre di più Palermo, città piena di storia, cultura e tradizioni da noi sempre amata e non sempre conosciuta. L’iniziativa va in questa direzione, è da sempre il nostro modo di fare impresa”, conclude Randazzo.

“L’invito a fare il turista a Palermo – sottolinea Toti Piscopo, presidente Skal Palermo – è lo stesso che rivolgiamo all’assessore regionale ai beni culturali perché rilanci l’idea di ‘Fai il turista nella tua Regione’ per incentivare un movimento turistico di prossimità fra i siciliani che potranno fare i turisti in Sicilia e riscoprire non solo i siti archeologici ma anche i luoghi in cui vive l’identità siciliana”.