Udinese-Palermo 0-1. I rosanero vincono soffrendo: Vazquez pennella, Rigoni gol

0
11

Cinismo, caparbietà, carattere, tre C per sintetizzare la conquista dei tre punti del Palermo ad Udine. La squadra di Iachini va a prendersi la seconda vittoria consecutiva in campionato ed al Friuli espugnato anche la passata stagione. A decidere il match un gol di Rigoni propiziato da un grandissimo assist di Vazquez. I rosanero reggono botta agli attacchi dei padroni di casa fino al 94’ nonostante l’espulsione di Struna al 70’.

 

Cambia molto Iachini per la sfida contro la squadra del patron Pozzo. L’allenatore del Palermo cambia innanzitutto modulo passando ad un 3-4-1-2. Prima novità in difesa: al posto di Vitiello, a destra c’è Struna assieme a Gonzalez ed al match winner El Kaoutari. Centrocampo a quattro con le due ali difensive Lazaar e Rispoli e Rigoni e Jajalo a fare da argine alle offensive bianconere. In avanti Vazquez supporta Quaison e Trajkovski. Dall’altra parte il tecnico Colantuono, ex tecnico del Palermo, si affida alla coppia Thereau-Zapata lasciando in panchina la bestia nera dei rosanero Di Natale.

 

Basta arrivare al 7’ a Vazquez per mettere in chiaro una cosa: è lui il giocatore con più classe nei piedi fra i 22 in campo. L’argentino semina il panico sul fronte sinistro dell’area friulana e mette in mezzo un cross al bacio per Rigoni che spizza di testa battendo Karnezis senza possibilità di appello: 0-1 per la squadra di Iachini. L’Udinese prova a rialzare la testa con un paio di azioni interessanti, sulla prima Bruno Fernandes calcia fuori, sulla seconda Jajalo perde palla su pressing di Merkel, Thereau conclude impegnando Sorrentino che manda in angolo.

 

Al 18’ Zapata blocca l’uscita di Sorrentino, Damato non fischia fallo, Thereau calcia a porta vuota ma Gonzalez respinge sulla ribattuta Zapata manda fuori. Palermo salvo per miracolo.

Udinese in grande pressione, Rispoli sbaglia il fuorigioco e Lazaar si perde Edenilson imbeccato da Fernandes in area, il giocatore bianconero calcia clamorosamente fuori. Al 45’ primo giallo del match per Struna che ingaggia un duello personale con Zapata che lo spinge ma non viene sanzionato da Damato. Dopo un minuto di recupero si chiude sull’1-0 per gli ospiti la prima frazione di gioco.

 

Nel secondo tempo i tecnici delle due squadre cominciano senza operare cambi. Al 50’ ci prova ancora Fernandes che parte da sinistra, si accentra ma apre troppo l’angolo di tiro mandando fuori. Secondo Damato Sorrentino perde tempo a riprendere il gioco, giallo per i capitano rosanero. Pochi secondi dopo su una ribattuta sfortunata El Kaoutari si supera salvando il Palermo in angolo da pareggio sicuro di Thereau. Al 56’ Quaison si incunea in area e serve un bel pallone rasoterra al centro, né Vazquez né Rispoli riescono ad approfittare della ghiottissima occasione.

 

Sul capovolgimento di fronte Zapata fa a sportellate con la difesa rosa arrivando alla conclusione che si spegne sul fondo. Prima sostituzione per l’Udinese: dentro Kone, fuori Merkel. Al 62’ Kone prova un tiro dal limite che Sorrentino devia in angolo, il greco praticamente riesce a tagliare tutto il campo per vie centrali inconstrastato: Jajalo e Rigoni non riescono a fare abbastanza filtro sulla linea mediana per la squadra di Iachini che manda in campo Goldaniga al posto di Rispoli. Al 70’ il Palermo resta in 10, Struna entra con veemenza in tackle scivolato prendendo il pallone, Damato però non ha dubbi e lo espelle per doppia ammonizione.

 

È il momento di Di Natale che prende il posto di Hertaux, poi è il momento di Hiljemark dentro per Rigoni, autore del gol, acciaccato. Colantuono fa uscire immediatamente dal campo Iturra dopo il giallo, al suo posto Marquinho. Terminano le sostituzioni con l’ingresso di Vitiello in campo al posto di Quaison. A tre minuti dalla fine Adnan mette in mezzo per Thereau, il francese incorna ma manda clamorosamente fuori. Poi Sorrentino si supera su Zapata compiendo una parata miracolosa.

 

Ghiotta occasione in contropiede per i rosa: Trajkovski salta il diretto avversario ma sbaglia clamorosamente l’assist per Vazquez, poi azione fotocopia dall’altro lato ma è Lazaar a regalare palla a Karnezis. Sono 4 i minuti di recupero, grandissima sofferenza per i rosanero che riescono a portare a casa i 3 punti dopo aver arginato con grande fatica, ed un pizzico di fortuna, gli assalti dell’Udinese. Seconda vittoria consecutiva in campionato per la squadra di Iachini.

 

Tabellino

 

Udinese: 31 Karnezis; 75 Heurtaux (71’ 10 Di Natale), 5 Danilo (cap.), 89 Piris; 21 Edenilson, 52 Merkel (58’ 33 Kone), 16 Iturra (80’ 23 Marquinho), 8 Fernandes, 53 Adnan; 77 Thereau, 9 Zapata. A disposizione: 90 Romo, 2 Wague, 3 Neuton, 11 Domizzi, 18 Perica, 26 Pasquale, 27 Widmer, 66 Pinzi, 74 Aguirre. Allenatore: Stefano Colantuono.

 

Palermo: 70 Sorrentino (cap.); 23 Struna, 12 Gonzalez, 34 El Kaoutari; 3 Rispoli (65’ 6 Goldaniga), 28 Jajalo, 27 Rigoni (77’ 10 Hiljemark), 7 Lazaar; 20 Vazquez; 21 Quaison (83’ 2 Vitiello), 8 Trajkovski. A disposizione: 91 Colombi, 4 Andelkovic, 9 Cassini, 10 Hiljemark, 11 Gilardino, 16 Brugman, 18 Chochev, 25 Maresca, 33 Daprelà, 99 Djurdjevic. Allenatore: Giuseppe Iachini.

 

Arbitro: Antonio Damato (Barletta). Assistenti: Alessandro Giallatini (Roma 2) – Ciro Carbone (Napoli). Quarto ufficiale: Marco Barbirati (Ferrara). Arbitri aggiuntivi: Riccardo Pinzani (Empoli) – Leonardo Baracani (Firenze).

 

Reti: 7’ Rigoni. Note: Ammoniti: Sorrentino (P), Merkel (U), Iturra (U), Fernandes (U), Jajalo (P). Espulsi: Struna (P). Angoli: 10-0. Recuperi: 1’ e 4’.