Vaccini: al via la campagna per over 80, diversi centanari e tanti vicini al secolo

0
13

Anche in Sicilia è partita la campagna vaccinale per gli over 80. Sono oltre 130 mila gli anziani prenotati. Il calendario delle aziende sanitarie e degli ospedali al momento è programmato fino marzo e aprile.

“E’ una bella giornata che arriva a un anno dall’inizio dell’emergenza in Italia. Oggi vengono vaccinati anche cittadini di quasi cento anni, o che li hanno da poco compiuti, e ci sono persone oltre i 105 anni. Giornate come quella di oggi ci aprono alla speranza in un momento molto significativo – dice l’assessore regionale alla salute Ruggero Razza. Vorremmo poter fare molto di più e riaprire immediatamente la piattaforma di registrazione, la macchina organizzativa è rodata e se ci fosse un numero adeguato di vaccini potremmo poter correre contro il tempo e contro il virus. Sui vaccini abbiamo ricevuto alcune offerte, come ha detto il presidente della Regione Nello Musumeci. Vogliamo che ogni decisione venga condivisa con lo Stato ma chiediamo di fare presto – continua Razza – Non vorremmo fare da soli, ma ci aspettiamo quello sforzo che possa portare, oltre le polemiche, a vaccinare tutte le persone anziane e quelle fragili”.

E’ la coppia più anziana che si è oggi vaccinata all’Asp di Palermo: Nunzio Guzzo 100 anni il prossimo 23 ottobre, e la moglie, Vincenza Guzzo, 95 anni, compiuti ieri. Sono arrivati all’ospedale ‘Cimino’ di Termini Imerese in perfetto orario insieme con Giacinta Guzzo, 90 anni e sorella di Vincenza. Ad accompagnarli il nipote Filippo Pinello, figlio di Giacinta, vigile del fuoco in pensione che ha prenotato le vaccinazioni sul portale dedicato il primo giorno utile. “Non ho perso tempo e non ho avuto un attimo di esitazione – ha detto Filippo – i miei zii, così come mia madre, godono di ottima salute e mi hanno subito chiesto di fare il vaccino. Tra l’altro, hanno sempre fatto, anche quella antinfluenzale. A causa della pandemia sono rimasti sempre a casa. Adesso speriamo che, vaccinandosi, possano –  i miei zii Nunzio e Vincenza – festeggiare i 75 anni di matrimonio”.

Sono arrivati tutti da Casteldaccia dove sono nati e vivono da quando Nunzio è andato in pensione, dopo aver lavorato come custode di uno stabile a Palermo, in via Tasso. “Nunzio – racconta il nipote – è l’ultimo di 11 figli. Si aiuta con le stampelle, ma cammina tranquillamente ed è assolutamente autonomo. Sono veramente felice che mia madre ed i miei zii abbiamo potuto fare il vaccino. Ringrazio tutti per l’accoglienza e per l’organizzazione impeccabile”.

Sono stati complessivamente 380 gli over 80 che oggi hanno effettuato la vaccinazione nei 6 centri dedicati dell’Asp di Palermo: Villa delle Ginestre, Ospedale Ingrassia, “Civico” di Partinico, “Dei Bianchi” di Corleone, “Madonna dell’Alto” di Petralia Sottana e “Cimino” di Termini Imerese. Contemporaneamente proseguono le vaccinazioni con Astra Zeneca per le forze dell’Ordine e con Moderna nelle Case di riposo.

Al Policlinico di Palermo previste 102 vaccinazioni al giorno, altre 180 nel Cto dell’azienda ospedaliera “Ospedali Riuniti Villa Sofia- Cervello”. A Catania nei nove punti attivati dall’Asp prevista la somministrazione di 576 dosi. A Messina, saranno inoculati circa 680-700 vaccini al giorno e tutti  gli anziani over 80 degenti e “non positivi” al Covid-19 riceveranno la dose direttamente in ospedale prima delle dimissioni.

A Vittoria vaccinato un centenario, Orazio Buonafede, classe 1921, uno dei siciliani più anziani a essere coinvolti dalla prima giornata di vaccinazioni anticovid dedicata agli over 80.

L’inoculazione della dose all’ospedale Guzzardi, che ospita uno dei 5 centri vaccinali allestiti in provincia da Asp di Ragusa. Buonafede, che è stato accompagnato dalla figlia Franca, si è intrattenuto con i sanitari parlando con perfetta lucidità della pandemia e ricordando la sofferenza, i morti e il dolore che ha comportato nel mondo, oltre al disastro economico ha colpito il nostro Paese.