Vaccini: oltre 190 mila in Sicilia le persone che devono farli, le scuole daranno gli elenchi degli iscritti alle Asp

0
26

Una collaborazione tra istituti scolastici e Aziende sanitarie per una verifica generale sulle vaccinazioni nell’Isola. Il numero massimo di persone che in Sicilia dovrà essere recuperato alle vaccinazioni è di 191.136. Questa la stima del Dasoe, l’Osservatorio epidemiologico della Regione che si è riunito oggi. I numeri per provincia sono i seguenti: Agrigento 9.888, Caltanissetta 7.216, Catania 58.016, Enna 2.368, Messina 34.304, Palermo 40.528, Ragusa 9.952, Siracusa, 17.104, Trapani 12.160.

Il Dasoe ha discusso l’adozione di misure di coordinamento tra le Asp, l’Ufficio scolastico regionale e dirigenti scolastici per l’applicazione della norma statale sull’obbligatorietà delle vaccinazioni. L’Ufficio scolastico regionale invierà nelle prossime ore una circolare che invita i dirigenti degli istituti di ogni ordine e grado a inoltrare a tutte le Asp dell’Isola, entro il 5 settembre, gli elenchi degli studenti iscritti. “E’ stato un incontro costruttivo – afferma l’assessore regionale alla Salute Baldo Gucciardi – al fine di facilitare le famiglie nel disbrigo delle pratiche burocratiche”.

Gli elenchi inviati dalle scuole saranno verificati dai dipartimenti di prevenzione di tutte le Asp, incrociando i dati per via informatica, in modo da individuare i soggetti non vaccinati, per i quali verrà attivata la prevista procedura di recupero che consiste in una convocazione della famiglia per la proposta della vaccinazione. Se le persone che hanno ricevuto l’avviso non si presentano all’appuntamento, si procederà alla visita domiciliare, prima di procedere con le sanzioni amministrative. Sarà compito delle Asp inviare nuovamente alle scuole gli elenchi con i bambini non vaccinati. Per i bambini iscritti nelle scuole dell’infanzia (dai 3 ai 5 anni), le famiglie potranno entro il 10 settembre avvalersi, al fine di certificare lo stato vaccinale dei propri figli, dell’autocertificazione. Successivamente sara’ effettuata una verifica da parte dell’Asp. (ANSA).