Verso le Politiche, Pietro Bartolo rifiuta candidatura di Liberi e Uguali: “Il mio posto è a Lampedusa”

0
69

“Pur onorato della fiducia e considerazione riposte su di me da Liberi e Uguali, ho riflettuto molto sulla proposta di candidarmi alle prossime elezioni politiche e sono giunto alla decisione di rifiutare la candidatura”.

Lo annuncia all’Adnkronos Pietro Bartolo, il medico di Lampedusa, la cui candidatura al Senato per Liberi e Uguali era stata annunciata nei giorni scorsi da Massimo D’Alema. “Ritengo che in questo momento storico sia maggiormente utile ed efficace impegnare la mia figura e professionalità nell’azione sanitaria ed umanitaria che da quasi trent’anni rivolgo, da medico e da uomo, alla popolazione lampedusana ed a quanti approdano sulle coste della mia isola – prosegue Bartolo – È mia intenzione, inoltre, perseverare nell’opera di sensibilizzazione sul tema dell’immigrazione che da due anni, attraverso la mia testimonianza, cerco di portare avanti andando per scuole, università, associazioni e luoghi istituzionali in Italia ed all’estero”.

“Credo che non riuscirei a stare per molto tempo lontano dal molo Favaloro che ho tanto odiato e tanto amato – prosegue Bartolo – Vorrei che presso questo molo non ci fosse più bisogno di me, ma, purtroppo, gli sbarchi continuano senza sosta. Il mio posto è qui”.

Nei giorni scorsi, durante la presentazione di Liberi e Uguali le parole di Pietro Bartolo, protagonista del film Orso d’Oro ‘Fuocoammare’ hanno fatto emozionare la platea. Dopo i boati tributati a Pietro Grasso, è stata sua la standing ovation più intensa della mattinata. “Vogliamo che finisca questa brutta pagina per l’umanità intera – aveva detto – Lo dobbiamo fare assieme. Io spero molto in voi, Speranza, Fratoianni, Civati, voi ragazzi giovani e bravi. Abbiamo tutti il diritto di vivere una vita dignitosa”. Ma alla fine ha deciso di rifiutare per restare nella sua Lampedusa.