Vertenza Almaviva: Slc Cgil boccia l’accordo che piace a Cisl, Ugl e Uilcom

0
15
Lavoratori Almaviva Palermo
Protesta almaviva

Replica della Slc Cgil Palermo a una nota su Almaviva siglata da Fistel Cisl, Uilcom e Ugl. Nella lettera, inviata al presidente di Almaviva Andrea Antonelli, si sostiene che la “parziale” versione sulla trattativa in corso sul futuro del call center di Palermo diffusa dalla Slc Cgil rischia di screditare i sottoscrittori dell’ipotesi di accordo (non firmato dalla Cgil) e di mettere in serio pericolo l’esito del referendum dei lavoratori, ai quali verra’ sottoposto l’accordo.

La Slc ribadisce la sua posizione e la sua presa di distanza dall’accordo ricordando che Almaviva non ha rispettato quattro degli impegni presi nell’accordo del maggio 2017. Non ha mai portato a Palermo le postazioni di IT come era sancito dall’accordo. Non ha ancora affrontato una contrattazione di secondo livello come era sancito dall’accordo. E’ stata autorizzata a tagliare per altri due mesi, con la proroga accordata dagli altri sindacati, gli stipendi ai lavoratori. E ha prolungato di sei mesi l’ammortizzatore sociale quando era gia’ sancita la scadenza a giugno 2018.

“Di norma – dichiara il segretario generale Slc Cgil Palermo Maurizio Rosso – le organizzazioni sindacali non sono mai in contrapposizione su temi che riguardano le regole del lavoro, specialmente supportati da dati oggettivi. Almaviva ha siglato un accordo a maggio 2017, con i sindacati, dove si stabilivano alcuni temi sulle regole del lavoro. Quattro di questi impegni inderogabili sono stati brutalmente smentiti e disattesi”.